lunedì 12 aprile 2010

Emergency finalmente la confessione!Firma per mettere gino SULLA strada

Ed eccoci qua a scoprire che il vecchio mujaedin Gino Strada non e' quello che vuole farci credere,un "medico" che si preoccupa del rispetto dei diritti umani e delle vittime di guerra,ma bensi,come avevo sempre sospettato,un pericoloso terrorista a capo della cupola di emergency.

Non solo questo sig, Strada ha un nome del cavolo,Gino,voglio dire,puo' essere il tuo macellaio,ma un medico?
il medico minimo deve chiamarsi evaristo,voglio dire.

Ma persino i suoi collaboratori sono oramai riconosciuti come pericolosi criminali,uno dopo l'altro hanno rapidamente capitolato di fronte agli avanzatissimi metodi della polizia afgana.


Sono pienamente d'accordo con il nostro ministro degli esteri che afferma


 "Prego veramente da italiano che non ci sia nessun italiano che abbia direttamente o indirettamente compiuto atti di questo genere. Lo prego davvero di tutto cuore, perché sarebbe una vergogna per l'Italia"


Come non essere d'accordo?
Credo che sia evidente la colpevolezza dei terroristi italiani ,che , sfruttando abilmente la copertura di un associazione non governativa filotalibana ottenevano due scopi importanti,procurarsi donatori di organi freschi freschi da inviare in giappone e attaccare la coalizione pacifista dell'isaf che tenta coraggiosamente di mantenere la pace in un area calda dell'emisfero.

E' evidente persino al piu' candido moccalone che il sig. Strada e i suoi associati sono implicati in questo macchiavellico congegno.

Cui prodest,direbbe Seneca?

Ovviamente e' tutta una ben oliata tattica per far arrivare il vostro 5% all'associazione e arricchire il Gino,che con una astuta tattica chiamata "DAL PRODUTTORE AL CONSUMATORE" finanziava gli attentati facendo finta di curarli nel suo ospedaletto,inniettando in realta' strichinina nelle vene dei poveri malcapitati.

"Tutti e 9 gli arrestati hanno confessato", ha detto il portavoce del governatore di Helmand, Daoud Ahmadi: "Erano accusati di avere legami con al Qaida e i terroristi. Hanno riconosciuto il proprio crimine. Hanno detto che c'era un piano per compiere attentati suicidi negli affollati bazar, il compound del governatore Gulab Mangal, che volevano uccidere".


Piu' chiaro di cosi voglio dire,hanno confessato,sono collegati ad al quaeda.


Loro,i maledetti martiri.


 "Il governatore - ha infine detto - di solito si intrattiene con le vittime del conflitto nell'ospedale di Emergency per portare assistenza e denaro. Era previsto che in una delle prossime visite, dopo aver lasciato le sue guardie del corpo all'esterno dell'ospedale, Mangal avrebbe trovato a sorpresa nella sala, dove erano ricoverati i feriti, i talebani armati per ucciderlo".


Cazzo poi chi volevano ammazzare? questo sant'uomo che porge aiuto ai poveri disgraziati vittime delle mine antiuomo e dei bombardamenti terroristi !


Sono rimasto particolarmente disgustato dalla dichiarazione di Maurizio Gasparri,noto ai piu' per essere stato il primo a sopravvivere all'amputazione del cervello.


"E' triste - prosegue - vedere tanta ambiguità di fronte al terrorismo. Purtroppo Strada non ha imitatori o controfigure e quello che fa suscita molti dubbi. Ricordo ancora le inquietanti giornate del sequestro di un giornalista italiano. Strada ha molte cose da spiegare".


Eh gia' che mondo sarebbe se i terroristi fossero i medici?
La prova principe,la pistola fumante! Il nostro mentre dice addio ad un attentatore suicida talebano

Nessun commento: