lunedì 29 novembre 2010

Piigs

Portugal, italy, ireland, greece, spain.

Cosi chiamano questi paesi nel mondo anglosassone, :" Piigs" "Porci".

Ci chiamano porci per via del nostro presunto indebitamento pubblico "troppo alto", ma come potete vedere da questa mappa, l'indebitamento pubblico conta poco in tutta questo macello,


       L'indebitamento degli Usa è raddoppiato in un anno, per dire, e presto supererà il nostro


La verità è che il momento è veramente torbido e duro, le nazioni occidentali si trovano davanti una crisi che ha molteplici ragioni, che sono entrate in scena per creare la tempesta perfetta:

1) Iniziamo con la causa principe, in tutta questa storia, ovvero la crisi energetica, diventata evidente con la cavalcata dei prezzi del 2008, quando il petrolio, anche grazie ad una bella spinta speculativa, toccò i 150 dollari, per poi crollare nuovamente a 30, portandosi dietro tutta l'infrastruttura che non era riuscita a reggere l'immenso stress strutturale.

Ovviamente la spinta speculativa si innestava su una situazione di carenza di offerta, ovvero, di petrolio inizia ad essercene meno, e non può più soddisfare le richieste energetiche sempre crescenti.

Dopo un lungo periodo in cui angenzie come la IEA (Agenzia internazionale eper l'energia) hanno sostenuto che

"Abbiamo petrolio per altri 40 anni" 

E solo alcuno poveri stronzi  consideravano la sconcertante possibilità che invece, il problema fosse malposto, e che bisognasse considerare, non , quando finirà COMPLETAMENTE il petrolio, ma quando lo stesso inizierà a scarseggiare ed aumentare di prezzo, finalmente siamo giunti alla resa dei conti, e a conti fatti avevano ragione i pessimisti come M.K. Hubbert, e organizzazioni come Aspo e Tod, che prevedettero con una buona approsimazione la data del picco, piazzandolo attorno al 2010, com'è poi effettivamente avvenuto.

Ovviamente io ero tra i pessimisti, e posso dimostrarlo.

Fanculo il pensiero positivo! guardate dove cazzo ci sta portando!

Voglio i maniaci suicidi al potere, oltretutto poi si levano di mezzo da soli, senza manco bisogno di una rivoluzione.

2) Il sistema sistema economico basato sull' indebitamento dei privati e la mancanza quasi assoluta di stimolo al risparmio.

L'economia moderna è basata sul concetto assurdo che si possa avere una crescita infinita in uno spazio finito, (Il pianeta terra) ovviamente è un idea del cazzo, visto che siamo legati a varie limitazioni sostanziali, che possiamo chiamare "colli di bottiglia" che limitano la crescita, e la fermano in alcuni casi, queste limitazioni sono le MATERIE PRIME: i metalli, l'acqua, e tutto ciò che serve per far funzionare il sistema (non poca roba).

3)Ovviamente, siccome credevamo nella favola delle risorse infinite, è stato creato un mostro chiamato "borsa" che è stato tolto di mano dall'autorità statale, per cederlo in usufrutto alla barbara ingordigia di speculatori singoli o lobbisti, tutti spinti da un unico desiderio di guadagnare cieco e sordo alle conseguenze delle loro azioni.

Questo sistema crea delle bolle speculative per sua stessa natura, queste bolle fanno guadagnare gli speculatori nel breve periodo e disintegrano tutto quello che gli sta attorno, compresi gli speculatori stessi, nel lungo ( emblematico il caso delle banche d'affari americane, disintegrate dalle loro stesse scommesse coi Default Credit Swap.

Mancando un autorità abbastanza cazzuta da fermare questi speculatori, siamo arrivati al punto attuale, con un sistema disastrato, nel quale la soluzione trovata è stata ...

4)Nessuna soluzione.

Si è semplicemente continuato con il business as usual, inniettando con il piano Paulson (Che piano del cazzo) 800 miliardi di dollari dalle casse pubbliche americane alle casse private delle banche, dando un amorevole buffetto alle banche, ed un calcio in bocca ai cittadini, con tipica flemma sassone.

Ora, se voi foste un banchiere che  ha capito che disintegrare un economia non è poi così grave, anzi! se fate casini vi pagano pure!

 COSA FARESTE?

(A parte scoparvi quindici troie tutte insieme, sniffando cocaina da una bottigli di cristal infilata su per il culo di un transessuale brasiliano, chiaro)

Ovviamente puntereste su qualcos' altro di appetibile, che possa dare una resa sufficientemente alta..

Cosa se  non il debito pubblico degli stati ?

Ed è esattamente quello che sta succedendo, prima con l'islanda, poi la grecia, ora irlanda e portogallo, e poi spagna e finalmente L'italia.


La speranza che hanno tutti coloro che si stanno buttando nella pastoia della nuova bolla, che potremmo chiamare "bolla europa" è che gli stati colpiti accettino misure di rigore devastante, smantellamento dello stato sociale, e che cerchino di ridurre il loro indebitamento, PER PAGARE I DEBITI CONTRATTI.

Ma cosa succede se lo stato, per esempio, l'irlanda, decide di dichiararsi insolvente, e non paga più un cazzo di niente a nessuno?

Succede una cosa divertente, molto divertente, che i debitori dell'irlanda finiscono a gambe all'aria (banche inglesi, ad esempio), e che invece per l'irlanda cambia poco, tanto, cazzo, già è fallita, cosa potrebbe succedere di peggio?

La realtà è che ci troviamo in una guerra economica senza esclusione di colpi, condotta dagli speculatori ai danni dell'europa, una guerra che però, nel worst case scenario, si concluderebbe con vincitori e vinti a gambe all'aria, proprio a causa dell'effetto domino sopra descritto.

Sapete chi sono i maggiori creditori dell'italia?

Gran Bretagna con 77 miliardi di dollari, Germania con 190 miliardi e la Francia con 511 miliardi.
Indovinate cosa succede se dichiariamo bancarotta.

Nel caso vi interessino questi argomenti da malati di mente, ho scritto altra roba riguardo

goldman Sachs ;  una storia comica su Warren buffett e un analisi delle agenzie di rating e oer finire, una riflessione sulla "Tragedia dei commons",

E ora basta che mi sono stancato di sgrezzare le vostre simpatiche testoline piene di olio lubrificante e impanatura di soia.



              Qualcuno era comunista.

Kurdt

28 commenti:

Sciuscia ha detto...

Un articolo dal vago sentore comunista, ti segnalerò alla Rete Dei Blogger Nominalmente Non Di Destra.

lamb-O ha detto...

Moriremo tutti; ma nel mentre, apprezzo il franco e sfacciato razzismo degli angli, che per far cadere dei paesi prima che cadano loro li chiamano "porci".
Paesi latini, e se non latini mediterranei, e se nemmeno quello, nemici storici. Ma guarda te che strano.

Apprezzo meno gli abitanti di uno di questi paesi di porci che esprimono costernazione e dicono "buuuuhh, ci hanno chiamato porci, che vergogna, voglio espatriare". Ma non si può aver tutto.

Dizaon ha detto...

è uno dei motivi per il quale sono emigrata qui, mica volevo fare bancarotta per colpa vostra...

direi che vale fare un paragone tra debito pubblico e privato e rammendare a quelli che ci danno delle lezioni che l'aumento del debito privato (nei stati dove il welfare è quasi inesistente) non da eccessivi risultati positivi, a parte aumentare la % della popolazione che vive sotto la soglia della povertà...

kurdt ha detto...

Diz, tu vivi in francia, giusto?

Farai bancarotta insieme a tutti noi, la francia è il nostro più grosso debitore.

Sulla seconda parte del commento, invece, concedere a dei privati la possibilità di indebitarsi di oltre il 500% (a volte persino il 1200%) del loro pil annuo, è stata una stronzata colossale.

E ora ne paghiamo giustamente le conseguenze.

kurdt ha detto...

La cosa interessante lamb, è che con il sistema che hanno costruito, non possono salvarsi nemmeno loro, possono solo cadere per ultimi, ma se cadiamo noi, in un paio di anni, sono al collasso e allo sbando anche loro, no way.

No future for you!

kurdt ha detto...

Scommetto che quello che ho aggiunto alla fine del post chiarisce meglio di tutto il resto.

mesic ha detto...

Fottuto mercato, fottuto indebitamento. Ne ho le palle piene, questi credono ancora di far loro le regole del gioco in realtà è lo stesso mercato a dettarle e lui decide da sé come sputtanarci meglio tutti quanti. Abbiamo creato un mostro con questo sistema!

lamb-O ha detto...

Sì sì, ma infatti l'ho premesso: moriremo tutti.

kurdt ha detto...

Sono tempi decisamente interessanti.

kurdt ha detto...

Di questi tempi l'unica è scopare.

kurdt ha detto...

Tanto vale che crolli completamente, almeno si può ricostruire qualcosa di decente, stiamo mantenendo in vita uno zombie.

mesic ha detto...

Concordo!

Ubi Minor ha detto...

qui c'è un sacco di Pil, come dice LaQualunque

Dizaon ha detto...

no, io vivo in italia, preferisco unirmi a voi per la bancarotta... ho sentito che pure quelli che hanno comprato le case a prezzi stracciati durante la prima crisi US, sono ora in difficoltà di pagamento, ma come l'amministrazione americana ha messo un freno ad i pignoramenti selvaggi, la gente se ne frega e non paga più...

lamb-O ha detto...

Sono un cacasotto, per me il cambiamento non è mai interessante.

c902837 ha detto...

Forse sì, ma a che prezzo sociale?
Il perpetuare della speculazione finanziaria, come dicevi anche tu nel post, porterà a nuove bolle e indirettamente a conseguenze anche nell' "economia reale". Il che si traduce fra l'altro in aziende che chiudono e quindi in disoccupazione dilagante.

D'altronde però si è visto che ogni tentativo di modifica nel mondo della finanza si traduce in una soluzione temporanea che di fatto alimenta di nuovo la speculazione.

Se almeno si arrivasse ad una più rigida regolamentazione dei CDS...


Poi notavo un altro fatto: la Francia da sola è nostra creditrice per più di 500 miliardi di euro? Cioè in percentuale da sola avrebbe in mano circa il 30% del debito italiano?
Questo spiegherebbe diverse cose... per esempio anche gli accordi con EDF per le "future" centrali nucleari italiane.

P.S. noto che ancora non c'è un commento di Emix sulle tette con replica di mesic sul fatto che ci si riferisca alle sue o no.

E' curioso come ci si possa abituare quasi a tutto. :)

kurdt ha detto...

Il prezzo sociale dello smantellamento delle borse è nullo, il sistema economico è stupido e corrotto, non tanto da elites di individui, ma dalla sua struttura, che premia le cavallette.

Come dici giustamente tu, qualsiasi tentativo di "modifica" viene aggirato, e non potrebbe essere altrimenti, considerando la struttura generale dell'economia "moderna", per questo auspico un crollo e una ricostruzione, su base più ragionevole e realistica.

I cds non si possono regolamentare, sono figli di cotanta madre, o li tieni, o li togli.

Alla fine il prezzo sociale più alto lo stiamo pagando adesso, guarda la grecia, o l'irlanda, che dovranno rinunciare al welfare per chissà quanti anni.

Emix non riesce a visualizzare disqus senza spenderci mezz'ora, visto che ha una connessione di merda a carbonella, quindi manda le mail sconce a mesic, che risponde con foto in pose provocanti.

kurdt ha detto...

Non ti annoi mai?

kurdt ha detto...

Sticazzi, le banche ormai sanno che buona parte di quei mutui concessi, nota bene, a gente
che difficilmente avrebbe potuto pagarli, saranno persi.

Tralaltro è inutile possedere chissà quante case, se nessuno le può comprare, anzi, devi pagare il mantenimento.

mesic ha detto...

Come fai a saperlo? Adesso non solo le mail!

lamb-O ha detto...

Oh, sì, sempre.

kurdt ha detto...

Emix mi racconta tutto ogni sera, anche le cose più sconce.

Dizaon ha detto...

vedi ho fatto bene a venire qua o mi toccava versarti un 30 % del mio stipendio... di che ramo comunista sei ? io trotskista ...

kurdt ha detto...

Io ero comunista, punto.

comunista delle feste dell'unità e della digos che mi faceva le telefonate a casa.
Poi mi son reso conto che tutto quello che era mio diventava di tutti, ma quello che era di tutti, me lo volevano vendere, sopratutto i "compagni".

Così alla fine ho detto vaffanculo a tutti quanti, invitandoli a morire ammazzati, e me ne sono andato.

Dizaon ha detto...

ah beh eri un comunista di partito, non credo che i partiti si passano salvare, sono tutti uguali e funzionano con la stessa logica stupida... io parolo di filosofia, di visione del mondo... dobbiamo pensare che il sistema capitalista sia nel giusto perché sembra che sia il meno peggio ? [e come cacchio faccio a postare qui con il mio avatar ?]

kurdt ha detto...

Non ero comunista di partito, andavamo alle feste dell'unità per incontrarci con le altre tribù di compagni, ma ero già allora allergico ai partiti.

Il sistema capitalista funziona bene quando le risorse sono tante, diciamo che le "brucia in fretta" è "efficace" in quel contesto, ma in un ambiente sovrasfruttato come quello attuale, sicuramente sarebbe intelliggente una programmazione ed un controllo che il mercato lasciato a se stesso non può dare.

Per il tuo avatar, credo tu debba aprire un account disqus, e mettere li il tuo meraviglioso Avatar.

Drì ha detto...

Non te la prendere, ma è un post troppo serio per i miei gusti... però le gnocche a fine post le ho gradite... soprattutto quella in basso a destra ;)

kurdt ha detto...

Perchè dovrei prendermela, mi stai facendo un complimento.