giovedì 28 luglio 2011

La mamma è sempre la mamma


L'altra sera la mamma mi telefona, è un evento che capita una volta ogni due settimane, piú o meno,
quando non sono in Europa pure meno.

Insomma ieri mi chiama, e succede piú o meno così.

Mamma: “Moriremo tutti! Lo sento, sono vicini! Il mondo andra in rovina, ma tu non ti preoccupare, che per voi abbiamo giá pronti dei finanziamenti europei che levati! 80% a fondo perduto! Non so se mi spiego.”

Io: Certo che ti spieghi mamma, ma non ho capito quale sarebbe la mia parte in tutto questo”

Mamma: “Il tuo ruolo è “Moriremo tutti

Io: “ O beh, spero di esserne capace, non si muore mica tutti i giorni, e poi io in realtá non te l'ho mai detto, ma sono gay

Mamma : “Oddio! Sei gay! Ommioddio! Ho un gay in casa! Fuori casa! MORIREMO TUTTI!
Ma cosa vuol dire Gay?”

“Io :Vuol dire frocio, mamma”

Mamma: “Ommioddio, vuoi dire che devo chiamare lo psicologo?”

Io: “Ma vedi che non sono matto”

Mamma: “Eh, ma io si”

Io : “In ogni caso stavo solo scherzando, volevo vedere come reagivi, ero indeciso tra questo e raccontarti di avere appena bruciato una bibbia”

Mamma: “Vabbè, ma dove sarebbe il problema?”

Io: “ Perchè ho bruciato per par condicio anche un bambino Kamikaze mussulmano, un bonzo Buddista e ho staccato la spina a Sharon.
Ma a parte le stronzate, perché mi hai chiamato?”

Mamma: “Ho letto il tuo blog, o come cazzo si chiama”

Io: ”Oddio! MORIREMO TUTTI! Gettate le scialuppe a mare! Prima le scrofe e i tacchini! 
Come hai letto il mio blog?
E chi ti ha dato l'indirizzo? Avevo vietato a chicchessia di dartelo “

Mamma: “Qual'è il problema? Tuo fratello è stato”

Io: “Almeno adesso non `potrá piú ricattarmi, mi chiedeva soldi in cambio del silenzio-”

Mamma: “Ma quale sarebbe il problema poi? Ho letto tutto, e mi è piaciuto, sono orgogliosa di te”

Io: “ E le parolacce? Le bestemmie? Gli insulti a tutti, e pure a voi ?

Mamma : Agli insulti c'eravamo abituati, sapevo che eri uno stronzetto egocentrico, ma
per quale ragione credi che ti abbia comprato tutti quei libri quando eri piccolo?

Io: “Per farmi soffrire? Perchè credevi che non mi piacesse leggere? Perchè avevi scoperto che leggere rende infelici?
mamma: “No, perché ho sempre creduto nel potere della lettura.
Ecco perchè ho deciso di regalarti questa copia autografata del Mein Kampf. Per ricordarti che non devi mai arrenderti alle avversitá”

Io: “ Grazie mamma, sapevo che in fondo mi volevi bene”

Mamma : “ Il libro sono Cinque euro e novantanove, se vuoi l'edizione in pelle umana l'ho trovata nella libreria davanti casa, ma è un pó cara”



Dedicato alla mamma, che mi ha insegnato a leggere e scrivere eoni prima degli altri stupidissimi bambini che passavano tutto il loro inutile tempo a pisciarsi addosso e rompere i coglioni ai genitori.

L'unica cosa che ho imparato prima degli altri.

Non era difficile in un paese dove la percentuale bestie selvatiche/Persone era di dieci ad uno.

Il secondo bambino piú intelligente della mia classe aveva la spina bifida.

                                                                            La mamma
Kurdt.

6 commenti:

longinous ha detto...

Esticazzi!

Non vengo più a Lanzacoso, io! Vado da mamma tua, me! XD

kurdt ha detto...

Eh, mamma mia è una buona mamma :)

Maroc ha detto...

Le mamme sarde spaccano il culo.
Spesso e volentieri ai figli :D

Maroc

kurdt ha detto...

Proprio esatto.

Maroc ha detto...

Per non parlare dei padri, che molto spesso preferiscono il cinto alle urla. E dalla parte della fibbia, sia chiaro.

Maroc

kurdt ha detto...

Ho un approfondita conoscenza dell'argomento.