giovedì 24 maggio 2012

Debunking Adam Smith


Adam Smith, a scanso d'equivoci, era un coglione.



Continua l'avanzata a livello europeo delle ideologie liberiste che con varie ragioni gridano di essere l'unica via di salvezza per le economie europee che annaspano.

La ricetta è quella che i liberisti hanno provato ad appioppare da sempre ai paesi in crisi,  una ricetta cucinata da Milton Friedman appositamente per i paesi sudamericani, con risultati drammatici.

Pensate ad esempio al caso dell'Argentina, un paese che possiede praticamente TUTTE le risorse naturali, petrolio, metalli, mare pescoso, terre fertili, poca popolazione. Un paese RICCHISSIMO che grazie alle meravigliose e progressive idee di Friedman&Co vende i suoi beni a compagnie straniere, finendo in ginocchio.

Una nazione immensamente
ricca finisce in ginocchio dopo aver seguito delle teorie economiche propagandate dal Fmi e dal dipartimento di stato americano (ricordate l'aggancio del valore del peso al dollaro?) spinta al tracollo dalla teoria per cui : “più mercato” porta automaticamente più ricchezza.
Domingo Cavallo fu uno degli “esecutori” della svolta liberista argentina, prima da presidente della banca centrale, poi da ministro dell'economia, quindi è da considerarsi uno dei principali fautori, se non IL principale del disastro che arriverà poco più in là.

Sicuramente alcuni di voi avranno sentito la storia che Cavallo abbia fatto bene all'Argentina, e che
il suo lavoro sia stato premiato i primi anni con grandiosi successi PIL alle stelle e riduzione dell'indice di povertà, bene, sono dei coglioni.

Ovviamente le privatizzazioni selvagge (e per selvagge intendo proprio folli) volute da Cavallo sollevarono effettivamente il Pil i primi anni e l'agganciamento del valore del peso a quello del dollaro favorì le importazioni, ma a che prezzo?

A prezzo di svendere tutti i beni della nazione, lasciando la nazione in braghe di tela, in balia dei mercati.

Citerò un caso emblematico di “svendita” (voi chiamatela pure come cazzo vi pare) quella delle Aereovias Argentinas.
Quando le Aereolinee argentine vennero sacrificate al dio liberista avevano conti in attivo, rotte lucrose, terreni. Insomma una compagnia prospera e perfettamente funzionante nelle mani del governo.

Cavallo decide di vendere la compagnia, lo fa a favore di Iberia, la compagnia di stato spagnola,
a prezzi ridicoli, confidando nel dio mercato.

Iberia prende quanto c'era di buono, lo vende, scorpora la compagnia, lascia le rotte più lucrose per se stessa, vende persino strutture e terreni.

Pochi anni più tardi Aviolineas Argentinas è UNA SCATOLA VUOTA, disintegrata, inutile. Lo stesso destino avranno DECINE di altre compagnie ex statali, tra cui ad esempio sono particolarmente importanti quelle petrolifere.
Praticamente il pil procapite saliva grazie alla vendita a privati dei beni dello stato a prezzi ridicoli,
beni che ingrassavano le casse dello stato, ma lo privavano dei propri gioielli più importanti.

Ovviamente gli economisti (termine che tengo in grandissimo spregio) non persero tempo nel mostrare al mondo l'Argentina come l'esempio da seguire, il santo Graal dell' economia, la via da seguire per la salvezza. Il pil saliva, la povertà scendeva, sembrava perfetto no?

Stavano semplicemente vendendo l'argenteria, le porte, le finestre, la macchina, sapete cosa è successo quando hanno finito di vendere tutto?


Questo


Una nazione senza più nessuna risorsa, completamente nelle mani del "mercato a cui avevano sacrificato tutto, nelle mani dell'Fmi che gli RISE IN FACCIA quando gli chiesero dei prestiti per traghettare il paese verso acque più tranquille. Lo stesso Fmi che aveva caldeggiato e spinto TUTTE le privatizzazioni.

Poche cazzate, l'Argentina è la dimostrazione empirica che ADAM SMITH è un coglione, e che la sua mano invisibile doveva esserglisi incastrata nel culo. 
Questa gente ha seguito perfettamente TUTTE le ricette dell'FMI e dei vari Friedman&Co, eppure è affondata lo stesso, e ehi! guarda un po', nessuno ha pensato di darle una mano, perchè una nazione povera (una nazione senza nessuna risorsa, oibò, è povera) non interessa a nessuno, anche se quella nazione è perfettamente libera.

Ma lasciamo  un secondo l'Argentina da parte e rivolgiamoci a quello che è il soggetto del post, ovvero Adam Smith.
Tutti conoscerete quella storia della mano invisibile e blablabla, che il mercato si autoregola, la legge della domanda e dell'offerta e bla bla bla. Uh? 

Secondo questa gente esiste un qualcosa di meraviglioso nel mercato che gli consente di autorganizzarsi in maniera da autoallocare le risorse nella maniera più conveniente alla comunità semplicemente seguendo l'interesse del singolo.

                                                  Ehi è una cazzata! 

Pensate ad un essere umano, è composto da miliardi e miliardi di cellule diverse, tutte con un interesse comune nel sopravvivere e moltiplicarsi il più possibile, tanto che potremmo quasi dire che ogni cellula è in competizione con le altre cellule del corpo per le risorse.

Immaginate cosa succede applicando la legge della mano invisibile al corpo umano? 

Succede che una cellula scopre che il proprio interesse individuale è mandare in culo le altre cellule e creare altre migliaia di copie di se stessa, fottendosene di quello che succede all'insieme. Questo comportamento ha un nome. Si chiama TUMORE e conduce, se non trattato, alla morte dell'intero individuo.

Ricordatevelo quando vi parleranno di economia di mercato, la prossima volta. Perchè la mano invisibile esiste per davvero, ma il culo è il vostro.
Mano invisibile.



Kurdt-











Nessun commento: