mercoledì 26 settembre 2012

(in)tolleranza

L'ambasciatore stevenson ucciso dalle teste di asciugamano. Questo dovrebbe  scandalizzare i mussulmani, non un film. 


Sta scoppiando un inferno nei paesi mongolmani per un film ipotetico, mai fatto, che è riuscito incredibilmente a far infuriare miliardi di fessi.
Torme di fessi che sono scese in piazza per lamentarsi e dare l'assalto all'ambasciata Americana in Libia, uccidendo l'ambasciatore e quattro diplomatici inermi.
Alcuni stanno tentando di difendere questo genere di azioni con affermazioni tipo :

"Stanno solo difendendo la loro libertà religiosa" o ancora la sempreverde : "Non possiamo permetterci di giudicare una religione così ricca di sfumature come quella Mussulmana".



Blablablablablablablabla   CAZZATE. 

La libertà signori miei è la libertà di dire -cose che non piacciono a gente che non vuole sentirsele dire- , libertà è che due gay stanno lingua in gola anche se un bigotto gli cammina accanto, libertà è per una donna single trombare con chi cazzo vuole senza che nessuno possa permettersi di chiamarla troia. E libertà è anche poter dire che Maometto era un pedofilo, o Gesù Cristo uno psicopatico che parlava da solo. E Buddha era uno scemo di guerra. 

Questa è la libertà, e se vi sentite offesi, bene, in un paese libero capita spesso, ma poi ci si abitua.
Il problema nasce quando una parte di quelli che si sentono "offesi" decidono che è giusto limitare la vostra libertà in nome della propria "sensibilità". Queste persone si arrogheranno il diritto di tapparvi la bocca e tenteranno di rendervi la vita impossibile, mettendo paletti al vostro comportamento affinchè vi comportiate come desiderano loro.

E fate attenzioni, non sto parlando di casi ipotetici, potete semplicemente guardare in un ospedale italiano alla voce "medici abortisti" oppure ancora alla voce "ginecologi".

In italia una percentuale vicina all'80% dei medici si rifiuta di praticare aborti, e i ginecologi si rifiutano persino di prescrivere la "pillola del giorno dopo" perchè sarebbe un farmaco "abortivo".
Ecco quali sono i risultati della vostra "libertà religiosa". I risultati sono questa merda qua, paletti e ancora paletti.

Perchè una volta che avete accettato l'idea di poter limitare la libertà altrui per difendere una qualche vostra credenza, state concedendo a qualcun altro il potere di limitare la vostra, di libertà. Per capire meglio quello che succede pensate ad una coppia nella quale entrambi siano gelosi, ok?
Lui dice a lei : "No cara, non puoi uscire con gli amici perchè sono geloso"
Lei risponde : " Ok, ma tu non puoi più andare a giocare a poker il sabato, perchè sono gelosa"
E poi               "Non puoi salutare le ragazze che conosci"
E ancora          "Non puoi ricevere messaggi da nessun ragazzo oppure ti lascio sola come un cane"
E via continuando, con un escalation senza fine.
Sapete che risultato otterrete? Questo.

Una foto della mia Ex ragazza.
Otterrete che tutti riusciranno ad eliminare qualsiasi libertà ottenuta, nessuno verrà offeso da niente, ma solo perchè nessuno potrà fare nulla. Bravi, bene.

Se ci pensate le libertà che avete adesso, una volta erano considerate scandalose, una volta andare in giro con la minigonna per una donna era considerato sinonimo di "bottanaggine" , non si poteva andare in giro mano nella mano se non s'era sposati. Una volta un uomo non poteva divorziare perchè sarebbe andato contro Dio, e la donna, una volta, non poteva votare. Una volta veniva considerato offensivo che un negro salisse su un autobus di bianchi.

La nostra società è diventata più "libera" attraverso vari gradi di shock, una serie di rivoluzioni culturali hanno messo da parte la cultura dei nostri nonni (grazie a dio) per sostituirla con quella dei padri. Noi dobbiamo aggiungere altre libertà, nuova tolleranza per cose che prima erano considerate "illegali" o "moralmente inacettabili".

Che poi "Moralmente inaccettabili" significa solo "tradizionalmente inaccettabili", ovvero "roba che vostra nonna non avrebbe capito". Volete buttare quello che abbiamo guadagnato per tornare a vostra nonna?

Questo è quello che volete? Una società dove nessuno si offenda solo perchè non rimane più niente? Perchè è proprio là che stiamo andando.

Ogni volta che vi offendete per come qualcuno si veste state preparando il terreno a perdere libertà.
Quando vi offendete perchè una coppia gay non dovrebbe poter allevare dei bambini, state perdendo libertà
Quando vi offendete perchè qualcuno dice qualcosa che non vi piace, e vorreste farlo star zitto, state perdendo libertà.

Non c'è altro modo per evitare tutto questo, che coltivare la tolleranza, accettare il modo di vivere degli altri, con un eccezione importante.

NON ACCETTARE L'INTOLLERANTE.  

Ovvero quando il religioso coglione col turbante vi chiederà di vestirvi come dice lui, perchè altrimenti si offenderà, dovrete ridergli in faccia, e nel caso non capisca la vostra reazione, e continui ad essere offeso, benissimo, dovete prenderlo a calci nel culo e sbatterlo fuori.

Idem quando il cattolico vi chiederà di cancellare l'aborto, perchè va conto la vita, sputategli in un occhio (Ah, sapete che in tunisia la pillola del giorno dopo viene venduta in farmacia senza ricetta? Quanto sono indietro ste teste d'asciugamano, uh?) .

Si sente spesso dire che la religione è un "bisogno fondamentale" dell'essere umano, ma è falso, la curiosità è un bisogno fondamentale dell'essere umano, la religione è solo una risposta facile e a buon mercato.
Credere che il mondo sia stato creato da Dio, è come credere che i bambini vengano portati dalla cicogna, è semplice, diretto, e ahimè, è una stronzata.

Detto questo, si può tranquillamente accettare che la gente creda in qualsiasi cose, ma non che quelle credenze limitino la libertà di chi li circonda. Non è che siccome il mio dio dice che le donne devono andare vestite come un pipistrello allora può diventare legge una cosa simile.

Le eliminatorie di Miss Arabia Saudita. Quella al centro è stata squalificata, le si vedeva il naso.

Anche perchè altrimenti sapete un po' che vi dico? Che il mio, di Dio, le donne le vuole così :

E "Tette" sostituirà "Amen" nella liturgia.


Kurdt.


Posta un commento