martedì 10 febbraio 2015

Ki ti paka?!!!!?!?

Ogni tanto mi balocco con qualche idea bislacca, in questo momento, data la montante quantità di teste di cazzo, beh, sto pensando che ci starebbe bene costruire una nazione apposta per quel gruppo di scemi chiamato antivaccinisti.

Che poi, francamente, non è la cosa più stupida che abbiate mai sentito? Ma lasciate brevemente che vi ricordi cosa dicono questi fessi:

«i vaccini fanno male e fanno venire l'autismo. E non aiutano a prevenire la malattia, non importa cosa dicano i dati. Sul serio».
Questo è quello che pensano. I vaccini provocano l'autismo. E come tutte queste cose (non so come definirle meglio) che cominciano su internet, probabilmente è bastato che qualcuno leggesse storta una ricerca che andava detta dritta, poi l'ha passata ad un amico che avrà fatto un' infografica e boom, da zero a grillino in tre secondi netti.

Sul serio, son convinto che sia andata così. Un gigantesco gioco del telefono dove in prima posizione c'è un tizio che non ha capito un cazzo della frase «i vaccini non causano l'autismo». Ma lasciate che vi illustri il processo con grande precisione.

1) I vaccini non causano l'autismo amici e amiche.
2) I vaccini non causano l'autismo amici
3) I vaccini causano l'autismo agli amici !
4) I vaccini scassano l'autismo amici!!
5)I vaccini causano l'autismo ai paralitici!!!!
6) I vaggini gausano le scie gimighe!!!!! (beppe).

Quest'idea si è diffusa da persona a persona senza trovare apparentemente nessuna resistenza, modificandosi per adattarsi meglio all'ambiente mentale della persona che ospitava l'idea. Solo a me suona strano? Come se i virus e batteri si fossero dotati di una particolare capacità di adattamento capace di portarli ad adattarsi anche alla condizione per loro peggiore, quella in cui viene inventata un' arma termonucleare che colpisce solo loro.

Alcune malattie erano state letteralmente cancellate dall'arrivo dei vaccini, il tifo, il vaiolo, la poliomelite, sono tutte malattie di cui buona parte di noi ha sentito parlare solamente nel racconti dei nonni e magari guardando quella strana bruciatura sul braccio che avevano i nostri zii e nonni. Il vaccino contro il vaiolo.

In pratica l'idea antivaccinista si sta comportando esattamente come un virus. Si insinua nella testa di qualcuno,
convincendolo che il vaccino non serve, anzi, fa male. Poi rimane lì, impedendo all'individuo di ottenere una determinata protezione. Un virus mentale che contribuisce alla diffusione di molti virus (e batteri) altrimenti facilmente prevenibili.

Oh, certo, esiste anche un vaccino contro questo tipo di virus, si chiama pensiero scientifico, purtroppo, come tutti i vaccini, bisogna usarlo prima che la malattia colpisca, pena: ritrovarsi senza alcuna protezione contro convinzione come queste. Perché una volta che la malattia dell'antivaccinismo colpisce, ehi, non crediate di poterla risolvere facilmente. Provate un po' a convincere un antivax che le sue idee valgono quanto la merda di capra, provateci pure con dati, tabelle, informazioni, date. La sua risposta sarà semplice ed efficacissima.

KI TI PAKA!!!??
0) Se non ti pagasse nessuno non avresti nessun motivo per cercare di convincermi
1) Stai cercando di convincermi
2) Qualcuno ti paka
3) Ricomincia da 0)

Non avete speranza. Nessuna speranza. «Ki fi paka?» è imbattibile. Notate che una persona per cui l'unica ragione per fare qualcosa è «essere pagati» dev'essere una persona decisamente povera e moralmente più vicina alla scimmia che all'uomo.

Questa difesa contro il pensiero razionale non è efficace solo per controbattere le argomentazioni dei pro vaccinisti, ma è efficacissima contro tutte le argomentazioni, tant'è vero che è utilizzata da chiunque voglia difendere una posizione irrazionale, come per esempio gli schiachimisti, quelli contro gli antibiotici o quelli che non credono allo sbarco sulla luna.

«Ki tii pakaaa!!!??» Se urlato abbastanza forte è la difesa ideale contro qualsiasi idea.

Questo può tranquillamente farci perdere le speranze sul genere umano, eppure io credo che rimanga un barlume di speranza, ovvero presentare agli antivaccinisti la realtà.

Salve signor antivaccinista, sono la realtà. Qualcuno mi chiama, in amicizia, madre natura. Tanto piacere, le ho portato un regalo.

Ah! Che bello! Cos'è?

Vaiolo, morbillo e peste

Come far succedere tutto questo? Creando un paradiso per antivaccinisti. Si crea un' isola, che chiameremo svaccinia e si rende illegale la vaccinazione delle persone. Si decide che a Svaccinia tutti sono liberi di prendere i medicinali che preferiscono e se non vogliono prendere l'insulina e hanno il diabete, ehi! Chi diavolo siete voi per impedirglielo? Una volta creata una legislazione ad hoc, si comincia a pubblicizzare la cosa, si creano le strutture, i lavori, si finanzia persino il paese. Potete scommetterci, ci sarebbero antivaccinisti disposti a finanziare questo posto con il sangue, se ce ne fosse bisogno.

Una volta fatto questo si mette un' unica legge. Una volta che si entra a svaccinia è impossibile andarsene. Dopotutto, penseranno i nostri eroi, perché dovremmo andar via?

Vedetela come una gigantesca trappola.

Una gigantesca trappola per idioti.
Perché non si fermeranno fino a quando non sbatteranno violentemente la faccia sulla realtà.
Posta un commento