venerdì 6 gennaio 2012

Tassi e Tasse

                          L'italia è tassa, Tassiamo gli italiani! (Gabriele D'annunzio 1903-2012)

Una Tassa in tutta la sua bellezza. Non ci credete che è una tassa? Provate a rigirarla e vedrete!
Questo invece è un tasso. Un po' torquato a dire il vero.

Questo invece è un tasso zero. Detto anche tasso alfa, viene prima del tasso 1,2,3,4,5,6,7 etc, fino ad esaurimento dei numeri naturali. 




--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
                               Questi invece sono i Creedence Clearwater revival, e spaccano.


Poi ci sono delle altre cose con lo stesso nome che invece, si pagano, e si chiamano tasse anche loro.

O meglio, sono cose che si dovrebbero pagare, in teoria, ma in pratica, guarda, in Italia è diventata una gara a chi è più furbo, come sempre.
Napoli è la città con più furbi di tutte in percentuale, con ottimi risultati ben visibili in giro per la città.

So benissimo che molti di quelli che leggeranno quest'articolo non saranno d'accordo con quello che scriverò, e non posso farci nulla. Nemmeno sto scrivendo per convincere qualcuno, non avrei nessuna possibilità di farlo.

Vedo di questi tempi una certa incazzatura italiana contro un ente, Equitalia, che a quanto pare starebbe mazzolando i miei conterranei, spremendoli come limoni, strizzandogli via anche l'anima.

Ho sentito alcuni dire che "visto che equitalia è cattiva, quindi io non pago le tasse" che è un pò come dire che visto che il mio capo al lavoro è uno stronzo allora gli rubo il computer e brucio la casa.
Peccato che, equitalia o no, in Italia le tasse non s'è voluto mai pagarle, con nessun governo, ed è sempre stato, da che ho memoria, un fiorire di Onlus, macchine aziendali, prestanome, commercialisti furbetti e trafficoni della peggior specie, tutto ciò con un solo scopo evidente.

                                 NON PAGARE UN CAZZO. 

Quindi mettiamo per un attimo da parte il discorso Equitalia, ok? Equitalia arriva dopo decenni di governi che per mantenere il popolino contento hanno chiuso un occhi, quindi facciamo che Equitalia è una tempesta di merda arrivata dopo decenni e decenni di calma piatta, e andiamo avanti.

Facciamo che voi le tasse non le pagavate manco prima, e che Equitalia ora è una comoda foglia di fico dietro la quale proteggersi, citando sempre il caso della signora a cui hanno tolto la casa per aver evaso cinquemila euro, e dopo la signora si è impiccata, o dietro la storia di uno di quelli che hanno preso una multa da cinquanta euro e si sono trovati con la ganasce ai mozzi, impossibilitati ad andare a lavoro.

Poveracci cazzo no?

La colpa però sapete di chi è? La colpa è vostra, teste di cazzo. La colpa è vostra quando scaricate l'iva e non dovreste, è vostra quando intestate la macchina alla vostra azienda, scrivendoci "autocarro". Invece poi è una bella Cheyenne, che usate per portare in giro la famigliola al completo.
Equitalia esiste perchè lo stato non è riuscito a trovare nessun altro modo meno fastidioso per farvi fare una cosa giusta, ovvero, PAGARE le tasse.

E il piccolo commerciante che non paga, altrimenti chiude, bene, che chiuda, se non riesce nemmeno a pagare le tasse, chiuda, del resto dove vuole andare? la grande distribuzione se lo mangerebbe vivo, quindi tanto vale che la smetta di soffrire e si cerchi un altro lavoro.

E non voglio sentire neppure la scusa, ascoltata mille volte, che l'evasione è una sorta di difesa contro uno stato oppressore e tiranno, e non pagare le tasse è un po' come essere Garibaldi e Muzio Scevola tutto in uno.

Vai grand'uomo, però poi non voglio vederti in ospedale, e se stai male davvero dovrai pagarti le lastre con tagli da cento, e una visita specialistica ti caverà il sangue. Non voglio vedere i tuoi figli nella scuola pubblica, perchè gli insegnanti non li stai pagando tu. Se ti prendo a calci nel culo quando t'incontro, non chiamare la polizia, perchè non te lo meriti, se qualcuno decide che il tuo negozio può essere dato alle fiamme, bene, vale la stessa regola, v hatti ad assumere una squadra di detective privati e vattene affanculo.
Ah, ovviamente l'incendio te lo spegni da solo, con secchiello e paletta, chiedi ai vicini di aiutarti, al massimo.

La colpa è vostra se le cose non funzionano,vostra che "pagherei se" o "pagherò quando".
Equitalia vi sta dicendo che :

"TU PAGHI E NON ROMPI I COGLIONI, OPPURE IO TI SPACCO IL CULO" 

e visto come vi siete comportati in passato, questo è l'unico linguaggio che capite, i calci nel culo.

Mia madre è la direttrice amministrativa di una scuola elementare in sardegna, da che ho memoria ha sempre lavorato non duro, ma durissimo, terrorizzata di poter perdere quel lavoro.
Ricordo che venivano persone a casa per farsi sistemare le pratiche, e mia madre che lavorava fuori orario, senza straordinari, mai.

Mia madre ha anche una malattia degenerativa genetica, che si chiama Retinite pigmentosa che lentamente porta una restrinzione del campo visivo, già vent'anni fa la ricordo leggere i documenti con una lente, o chiedermi di mettere le icone e le lettere del computer a dimensioni GRANDI per poterle leggere anche lei. E non ha chiesto la pensione d'invalidità pur avendone diritto, ovviamente.
Ed ha sempre finito l'anno con più di un mese di vacanze non consumate, che venivano pagate meno, perchè se smetteva di lavorare lei la scuola andava in merda, e le buste paga non venivano pagate.

Le tasse mia madre le ha sempre pagate, anche perchè agli statali le tasse vengono tolte alla fonte, non c'è modo di evadere, anche se sono sicuro non l'avrebbero fatto lo stesso.

La cosa divertente in tutto questo, è che, pagando entrambi i miei genitori TUTTE le tasse, la dichiarazione dei redditi sembrava provenire da una famiglia ricca, quindi vedevo puntualmente figli di affermati figli di puttana passare davanti a me e ai miei fratelli, nelle graduatorie, solo perchè avevano dichiarato magari la metà di quello che avrebbero dovuto, e allora potevano venire in facoltà con la macchina.

I miei non hanno mai potuto regalarmi un cazzo di motorino, e ppure sono cresciuto con la spina dorsale dritta, molto più dritta di molti di quelli che vedevo arrivare in facoltà con la macchina regalatagli dal paparino, eccheperò, guarda un po' erano davanti a me nella graduatoria per le borse di studio.

Ah, dimenticavo, ho sei fratello io, e sono il maggiore, e i miei genitori sono riusciti a mandarci tutti a scuola, guarda un po'-

Se evadi le tasse, non aspettarti la mia compassione, testa di cazzo, perchè stai inculando anche me, non
aspettarti comprensione se stai giocando con il mio buco del culo, aspettati piuttosto calci in bocca e una bella sessione dal dentista.
Perchè se ci sono riusciti i miei, le tue scuse non valgono un cazzo.

Kurdt