sabato 9 ottobre 2010

La moderazione è importante

Credo che i commenti spesso sviliscano i post.

In linea generale tutti quelli che scrivono su internet  permettono i commenti, alcuni in maniera selettiva, altri in maniera totalmente libera.

Alla prima categoria fanno parte gente che mi piace tipo uriel o io stesso,(e si, mi piaccio molto, devo ammetterlo).
Anche alla seconda appartiene gente che mi piace,sciuscia per dire,od emix,e anche gente che mi fa sanguinare i coglioni per quanto fa cagare,tipo Cds (Se non capite chi è,per favore,non cercatelo su internet,è per il vostro bene).

Ma esiste un terza categoria,vilipesa da molti, quasi da tutti,quelli che scrivono su internet, si tratta di quelli che non permettono di scrivere commenti.
Al massimo trovate alla destra una mail dove scrivere e sperare che vi arrivi una risposta.

A questa categoria fanno parte tizi che mi piacciono,tipo Smeriglia, e generalmente scrivono decisamente bene e non sentono il bisogno di uno stuolo di fessi ai piedi.

I commenti possono avere un senso in un blog aperto al confronto,ma in un post come Qualcosa del genere,cosa cazzo ci fanno,i commenti?

A parte rendere evidente la vostra sottomissione all'ennesima blogstar,si intende.

Siamo diventati schiavi della nuova categoria di divinità post internettare,le blogstar.
Abbiamo inventato una nuova categoria dove inzupparle,i blog awards.*

 Insomma togliere i commenti come libertà dal commentante, voglio dire,sono così pochi i commenti intelligenti, che la presenza o no degli stessi,influisce poco sul totale, e, oltretutto, se qualcuno vuole VERAMENTE dirti qualcosa, può usare l'email.


Eccoci, ora possiamo guardarci in faccia, popolo di internet.

Cosa abbiamo ottenuto,con in mano lo strumento democratico per eccellenza?

Abbiamo democrazia?
No.
Abbiamo giustizia?
No.
Cosa cazzo abbiamo,allora?
Abbiamo solo esportato tonnellate di merda dalla semiclandestinità del paesello alla ribalta di internet.
                                       Nella foto due patetiche scimmie ,che posano come due patetiche scimmie.
Degno di plauso il pellicciotto di cane di quello a destra ,e la magliettina rosa del fesso a sinistra.
Ma anche legno di plauso, o degno di legno.


SBUCANO DAI FOTTUTI MURI.


Ora guardateli bene in faccia e capirete perchè non mi piace lasciare la possibiltà che uno di loro testi le sue abilità oculo manuali, tentando di scrivere un commento sul mio blog.

Cosa credete possa dire d'interessante un uomo merda come quello? (a parte come farsi saltare una mano con un petardo)

La verità è che qualunque mezzo di comunicazione, sia esso internet o la carta stampata, viene presto colonizzato dal gregge, che arriva in branchi e inaridisce tutto, richiudendo o rendendo invisibili gli spazi di libertà che si erano precedentemente creati.

Pensa e ripensa ho creato poche semplici regole per capire se il vostro sito necessità di moderazione.

1) I commenti sono più brevi di 7 parole
2)L'url del sito finisce con grillo.it
3)C'è almeno un commento sull'11 settembre al giorno
4)Berlusconiani sfegatati,dipietristi,travaglini grillini e merda simile.

Adeu

venerdì 8 ottobre 2010

Pontifess zingarato

Annuncio con grande allegria e scalpore, che il gruppo S&D ha condotto un azione di demenza contro un sito a noi indifferentemente ridicoleggiante.

Ecco, il sito è Pontifex e l'url della zingarata è  questa.

In  ogni caso io sono un spalleggiatore esterno del sito, non sturmo e drango, ma zingaro.

E iniziamo con i partecipanti:

Attila: Timoteo, devoto di san paolo

Uriel:  Adf Antonio Di Falco

Late think: Il cero

Yossarian: Vandea 77

Andrea: Cosimo

Leftheleft:  tomistic

Mp: Colonia lunare!

C'era pure l'arpioni, Basta con la droga, ma non mi ha ancora passato il link, quindi aspetta la 2.0.

Andrea Margiovanni: Ireneo

Io ero Melchisedec.

Ed ecco le immagini della zingarata del blog.


Prima parte
Seconda parte

Terza parte, qui ci siam sbracati proprio

Buona lettura, e non dimenticate, Lo S&D (Di cui son solo uno spalleggiatore, e bene ricordarlo) Non perdona.

lunedì 4 ottobre 2010

Viaggiare

Viaggiare stanca, come ben saprete.

  E' stato calcolato che il viaggio più difficile da portare a termine integri, sia la  traversata africana, capo sud, El cairo, cambi autobus e malattie compresi.

Per quanto anche arrivare da pisa a perugia cambiando 3 regionali, perderne uno perchè la coincidenza è sballata per il ritardo possa dare le sue soddisfazioni.

Nella mia personale classifica dei viaggi peggiori mai fatti rientrano:




  1. Hurghada el cairo in autobus.
    L'autista fuori di testa non accendeva i fari*, correndo a tutta velocità verso il nulla, per aumentare l'effetto terrorizzante ogni tanto suonava il claxon.
Arrivo a el Cairo alle 4 di mattina, cerco un taxi, lo trovo, partiamo, mi sento sicuro, ma il tassista vede al lato della strada uno che tenta di cambiare una ruota,
“Do you care if i help him?”
“No, i just care to arrive in time at the airport”
“Ok”

Arrivo all'aereoporto in scontato ritardo,al check in non vogliono farmi entrare perchè convinti io sia arabo e quindi probabilmente un terrorista.
Guardano il passaporto come un leghista guarderebbe un napoletano di origini Slave e mi lasciano passare dopo avermi sputato addosso.



    1. La gomera/tenerife/Gran Canaria in aereo, arrivo mezzo scemo all'aereoporto di tenerife, scendo dall'aereo, seguo la coda di gente che scende e salgo su un autobus che portava ad un altro aereo ,credendo di essere in salvo.
Sale una hostess a bordo:
“signore e signori, devo comunicarvi che c'è un passeggero di troppo a bordo”
Io: “Merda”
Lei: “patente e libretto”
Io “ Non ho fatto il check in, Chiedo il rito abbreviato”
Lei: “Mi segua senza parlare, straccio d'imbecille, ha messo in allerta l'aereoporto”
Io “Wow ,sono un figo”

E mi portano in macchina fino al check in che avrei dovuto fare, che ovviamente è chiuso,visto che sono in ritardo.




      1. Traversata Pisa / Venezia e ritorno.
Senza biglietto arrivo con degli amici a venezia, per il carnevale, al ritorno  il controllore mi ferma e scopre che non ho il biglietto.
Controllore: “Attenda qui prego”
Io “Ok”

Dopo una decina di minuti il treno si ferma ad una stazione dove non avrebbe dovuto fermarsi e salgono due sbirri con le pistole spianate, come nei film, che mi intimano di stare immobile.

Sbirro “Non ti muovere!”
Io “Non ci penso neanche”
Sbirro II “Hai sentito! Ha detto che non ci pensa neanche, sparagli”
Io “ Ehi, non ci penso neanche a muovermi, non fraintendere!”
Sbirro II “ Spara!Spara! Ha detto fraitendere!”

In ogni caso quel giorno le Br avevano crivellato un polfer sul treno, e credevano che fossi io, l'assassino.
Mi rilasciarono dopo avermi infilato il concetto di “calco di pistola” bene in testa.

Cosa ho imparato dai miei viaggi?

1)Non viaggiare ubriaco o senza aver dormito a sufficienza
2)Informati prima sull'itinerario e arriva sempre un paio di giorni prima all'aereoporto, quindi accampati e studia la situazione.
3)E questo è il più importante, non comportarti da negro! Paga il biglietto.
4)I poliziotti sono delle merde.


* è un usanza abituale contare sull'illuminazione cittadina per evitare di consumare la batteria , stupide scimmie.

mercoledì 29 settembre 2010

Dio

Dio non esiste.

Ma se esistesse avrebbe bisogno di un buon avvocato.

Dio io me lo vedo,seduto sulla prima spiaggia che aveva appena inventato, sdraiato all'ombra,ma,miracolosamente , senza niente che la proiettasse,( non aveva ancora inventato le palme).
Lo immagino pelato, dio.
Pelato e che si legge il giornale; la gazzetta dello sport.

Dio è grasso e scapolo,prima di fare il mondo come noi lo conosciamo, ha lavorato come impiegato in un azienda di elettrodomestici usati, ma non funzionava granchè, visto che li aveva usati solo lui, e non c'era nessuno che li comprasse.

All'epoca passava i suoi infiniti pomeriggi* a risolvere sudoku e cruciverba difficilissimi , giocava partite a scacchi che finivano sempre con una partita perfetta e una patta.

Si dilettava anche a giocare a chi piscia più lontano.
Ma anche li  il risultato era scontato, lo schizzo faceva sempre il giro del mondo è lo colpiva sulla nuca,con la forza di un idrante.

Ma nemmeno questo passatempo lo liberava dalla noia che stava iniziando ad assalirlo-

"Ho bisogno di qualcosa di nuovo!" si disse, borbottando da solo, come un comune vecchio ubriacone pelato.


E mentre pensava questa cosa inciampò su una pietra, fece due piroette carpiate doppie e si schiantò al suolo, perdendo conoscienza.

Risvegliatosi dolorante, posò lo sguardo su due strani esseri che copulavano, completamente nudi, dinnanzi a lui.
 
"Ehi,ragazzi,basta,avete rotto i coglioni, basta, che sono geloso" disse dio,mentre l'uomo siringava il suo uccello in gola alla  donna.

Ma loro sembravano non ascoltarlo, troppo presi dall'esplorare le altrui convessità.

"BASTA,IO VI HO FATTO, (anche se non mi ricordo come) E IO VI BRUCIO SEDUTA STANTE!"

Solo allora i due si girarono rivolgendogli un occhiata stupita, come se non avessero mai visto dio, prima.

"Oh,finalmente! adesso ristabilito l'ordine naturale delle cose volevo proprio farvi un bel disc.. "
Ma il limite della loro attenzione era pari a quello di un pesce rosso, cosi   ricominciarono ad avvinghiarsi con ancora più lena di prima,con la differenza che stavolta lui la stava inculando.

Dio era basito,MAI qualcosa era andato storto nella sua carriera di essere supremo, tutto era stato fatto come si doveva:
gli atomi avevano il giusto numero di elettroni,
materia ed antimateria erano speculari(per quanto la seconda l'avesse ritirata quasi tutta per un difetto di fabbricazione)e pi equivaleva a  3.14.

Tutto rispondeva ad una logica prevedibile e sfavillante.

La sua.

Tutto a parte queste due buffe scimmiette sessuomani.
Tuttavia decise di lasciare vivere i due, e anzi, gli creo attorno una flora di animali e una fauna di piante,e viceversa.

Era così intento ad osservarli che un sacco di altre cose uscivano dalla sua testa senza che se ne accorgesse
Le nuvole, i gatti ,e il blues ,sono nati così, anche se in principio,c'erano  gatti che suonavano blues sulle nuvole, ed era troppo strano anche per quella bizzarra epoca.

Ma poi le cose si aggiustarono naturalmente, per selezione naturale (e gravità), e di gatti blues sulle nuvole non se ne senti parlare mai più.

Ma dalla distrazione di dio era nato qualcos'altro oltre ai gatti suicidi.

Era nata l'invidia.

Dio s'era rotto i coglioni di vedere i nostri due eroi trombare e gozzovigliare senza sosta
 Fù così che un giorno, per dispetto, invento le tre leggi della termodinamica.

-"Eh eh,non esiste più il pasto gratis" Sibilo il divino, creando un altro migliaio di esseri simili  e sottomettendoli alle stesse leggi.

E fù così che il tizio dovette smettere di incaprettarsi la tizia 24/24 e fù costretto ad iniziare a zappare la terra sei giorni su sette.
E da li in poi si considerò fortunato se vedeva un pompino nel week end.

La tizia invece continuo a non lavorare,gozzovigliare ,e trombare tutti i giorni.

Da allora non è cambiato granchè, ne per le tizie ne per i tizi.

lunedì 27 settembre 2010

Usa - Iran 1-0

Gli americani non valgono un soldo bucato.

La cultura americana non vale una sega.

Tutte le statue ed i ponti americani non valgono una sega.

Questo era per avere dei punti fissi.

Ora qualche giorno fà ho scritto qualcosa riguardo la tizia iraniana che volevano lapidare, niente che sia necessario alla vostra respirazione  se vivete dentro un polmone d'acciaio, ma abbastanza da intrattenervi per cinque minuti.

Alla fine la ritardata con un Qi di 72 è stata giustiziata,  con una bella siringa in vena, e passa la paura.

Non sapete chi?
Parlo di quella tizia che ha fatto ammazzare il marito ed il figlio,negli stati uniti e che è stata ammazzata dal boia due giorni fa, senza che nessuno aprisse bocca.

Si chiamava Teresa Lewis, e non fregava un cazzo a nessuno, che vivesse.
Tanto non era negra o mussulmana.

                                         Avrebbero solo dovuto scrivere:

    RITARDATA ANTIMPERIALISTA NEL      BRACCIO DELLA MORTE.

A tutta pagina sul manifesto, e aspettare le grida di strazio degli alternativi italiani.

Invece povera stronza è crepata nella sua stanzetta,da sola, una persona che non aveva nemmeno capito quello che aveva fatto, squartando il marito ed i figli, non lo sapeva, quello che aveva fatto.

L'avranno chiamata due secondini, che si era appena svegliata, bella non era di sicuro, questa pezzente.
Sicuramente non è stata aiutata dal sex appeal durante la sentenza.
Aveva la faccia di chi è stato preso a calci nel culo dalla vita da quand'è nato,senza un secondo di sosta, una faccia che è stata usata come scendiletto.

da tutti.

Aveva mangiato un pollo arrosto annaffiato con una lattina di dottor Pepper, come ultima cena,
s'è fatta la sua bella camminata nella sala delle esecuzione dove è stata legata mani e piedi, mentre dalla vetrata di fronte un branco di animali vestiti da uomini aspettava di vederla crepare.

Immaginate che faccia deve avere uno che va ad un esecuzione.

Digrignano i denti, quelli là, li vedo, le facce sono rimaste le stesse, dalla caccia alle streghe in poi.

Il boia trova la vena e partono le tre iniezioni.
La prima dose contiene sodio thiopental che blocca i muscoli ma lascia la persona cosciente.
La seconda di curaro, ferma il cuore.
Il terzo è il cloruro di potassio, che blocca definitivamente tutti i muscoli.

Ma te ne rendi conto di stare crepando, tranquilli che ha sofferto, cazzo, se ha sofferto, senza potersi muovere ne urlare, con il cuore paralizzato.

Poi finalmente è crepata.

Le sue ultime parole sono state: " I'm very sorry"

 Povera ritardata.

venerdì 24 settembre 2010

Sesso e videogames

                                                                 PREMESSA


            Lui:    "I videogiochi violenti sono la causa della violenza dei giorni nostri!"

            Io:     "Gesù cristo è causa della pedofilia"

                        "Beh no,così stai generalizzando trop..."

                                      "Succhiami il cazzo ."

La mia carriera di videogiocatore è iniziata con un baratto.
Barattai un  "Si" Piaggio,con un Commodore vic 20.

I miei compagni di classe mi guardavano come si guarda un alieno:"Ma come,non ti piace andare in motorino?"
"Me ne sbatto,del motorino,se posso avere l'astronave", risposi saggiamente.

I buzzurri non capivano,all'inizio,questa mia insana abiura del calcio,ne la capirono in seguito.
Semplicemente si limitavano a prendermi a calci,le rare volte che mi vedevano.

Tra un calcio e l'altro stavano passando gli anni,ed ero diventato un felice possessore di un Ibm 386,una bestia di potenza,per l'epoca,costata 3.800.000 lire.

Mia madre sperava con questo di avvantaggiarmi nell'istruzione,io invece,astutissimo,sfruttavo il potentissimo computatore per il mio onanismo digitale,monkey island,finalmente era mio,e sopratutto,un giochino che si chiamava "the rocketeer" mi aveva agganciato.

Ricordo che una volta,mentre ci giocavo con mia sorella,lei fece partire una scoreggia in LA - che scambiai per l'accensione dei motori del razzo virtuale.

Il suono era lo stesso,dopotutto.

Poi capì dall'odore che il razzo era anche esploso,e che,con tutta probabilità,trasportava merda.

Dopo un anno già non funzionava più,la tastiera era stata distrutta a forza di pigiarci con tutte le forze,il sistema operativo era fottuto,dovetti sopprimerlo lanciandolo da una rupe,case e monitor,in un solo colpo.

Scoperto questo venni fucilato di schiaffi da mio padre e randellato da mia madre.(Trovavano sempre una scusa diversa,i bastardi.)



                               E poi c'è quella volta che intel mi salvò la vita.

Un prete pedofilo m'inseguiva.*

nel tentatativo di acciuffarmi mi lancio contro un bambino sbattezzato,se non avessi avuto un pentium90 nel taschino mi avrebbe trapassato il cuore.


 *Cosi giustifico il titolo

martedì 21 settembre 2010

Giornata mondiale dell'alzaimer

Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.

Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.

Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.

Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.

Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.
 
Oggi è la  giornata mondiale dell'Alzheimer.

               L'ho già detto? 


In ogni caso,pensavo che alzhaimer sarebbe un ottimo nome da dare ad un cocktail.

sabato 18 settembre 2010

A nord di troppo nord.

Vivere con tre nordici è  terribile.

Nella stessa casa si concentrano,ohimè,due olandesi,un belga,e un italiano.


Con il Belga abbiamo fatto subito amicizia,il tizio è scappato dal suo paese per una faccenda di furto d'auto,e così,fino a quando sta qui rimane libero.


Uno degli olandesi è frocio,ed è ovviamente amico di quell'altro,che frocio non è,per quanto sia cosi brutto da far ribrezzo (quello etero).

Sul serio,il secondo,che si chiama michael,è disgustoso.
Ha un occhio chiuso di default,ma non chiuso "guercio",bensì chiuso "occhiolino",roba che ,quando passeggia ,le ragazze si girano e vomitano sull'aiuola,indicandosi a vicenda.

"Ah no,cazzo,l'occhiolino lo faceva a te eh!"

A questo si aggiunge che sopra la pelle della sua faccia,cresce una simpatica colonia fungina,che crea morbidi porri di carne nei punti più impensabili,ad esempio,sulla palpebra dell'occhio semichiuso.

Invece il frocio,per non so quale motivo,mi odia.

Di un odio terribile,come quello di un chiwawa isterico.
Il suo odio si manifesta nei momenti più impensabili,con esplosioni d'ira improvvise,durante le quali il tizio viene posseduto da quello che credo sia il demone della demenza e cerca di farsi schiaffeggiare in tutti i modi.
Poi finito il raptus se ne torna zitto zitto in camera.

                IDIOSINCRASIA NORDICA

Solo per il fatto di essere l'unico italiano in una casa di valkiri,sono oggetto di feroce e tacito controllo.
Nessuno di loro rischierebbe una scarica di calci nel culo,dicendomi in faccia le cose che pensa,ma è evidente che a parte il belga,gli olandesi sono pronti ad incolparmi di qualsiasi cosa.

 Io:"Ragazzi,la lavatrice s'è rotta"
Olandese:(A bassa voce,se non lo sento) "Italienish".

Sono arrivato alla conclusione che i nordici sono naturalmente inadatti alla vita sulla terra,e lo dimostrerò subito.

                                                                     DIMOSTRAZIONE:



                                                                                 Non distinguono le cose importanti:

LUI:"Ahhhh!!!mi hai preso un pò di maionese!ahhhhhhh!!!!!!!allaadddrrrooooo!!!polizia!!!!!"


IO:"Si,è vero,ma vedi che sta andando a fuoco la casa"

LUI: "ahhhhaaaahhhhhh! E adesso come la spegniamo,senza maionese?"

                                                                                             I nordici sono sopravvalutati:

Esiste questa leggenda che dice che l'italiano è handicappato con le lingue,ma provate a vedere come si comporta un olandese con lo spagnolo,cazzo;è come ascoltare un grammofono rotto.

Sono solo un branco di caprette biondeocchiazzurri,che fino a quando possono pascolare nel giardino di casa,fanno i salti mortali da una roccia all'altra,"YUUU UUUUUU GANZO!!!" poi quando li TRASCINI al mare,dove vivi tu,affogano miseramente.

I nordici sono stupidi.

E' un giudizio tranciante ma fondato.

Fondato sul fatto che sono negro e rancoroso,e sul fatto che loro sono biondi e stupidi.

Quello che vado a raccontare è successo qualche mese fa,qui a Gran Canaria,nell'hotel dove lavoro:

Sto entrando in scena,microfono in mano,per presentare questo spettacolo,che si intitolava,
                            "The kidnapp of princess minnie"
quando il mio capo italo tedesco insiste per presentarlo lui,lo spettacolo,che i bambini sarebbero stati contenti perchè lui parla un tedesco perfetto,non come il mio,da italiano.

Sale in scena,splendido e biondo,malgrado il genoma infetto.

1200 paia d'occhi anglofoni fissati su di lui,..

"Ladies and gentleman! I'm really proud to present, here on this stage,,our wonderful show.


FOR YOU,TOONNNNIIIIIGGGGHHHHHTTTTTTTTTTT.....(PAUSA ENFATICA)

"THE RAPE OF PRINCESS MINNIE!"
  


Il resto è silenzio e genitori anglofoni in fuga.

lunedì 13 settembre 2010

Tifo e lebbra

Ah!il calcio! quello sport giocato da 25 fessi in tenuta sportiva.Il calcio,quella faccenda che corri sudi,ti picchiano e devi stare zitto,perchè non sei una femminuccia.

Se non vivete in india lo sapete cos'è il calcio,sù.
Mentre loro si tengono il cricket eh!

Cazzo che sport figo il cricket!

Undici contro undici e una palla.

Mica come il calcio.
Il calcio..

Non volevo scrivere nulla sul calcio,perchè voi che mi volete bene (e mi conoscete poco),magari credete che uno come me non possa interessarsi di calcio,quello sport da scimmie.

Ed oggi voglio scrivere di calcio,anzi,di quello che si nasconde dietro al calcio.*

Io so,grazie ad un fluido particolare che mi venne inniettato da Marion zimmer Bradley in persona,che tipo di persona siete,basandomi solo su un dato.

Che squadra tifate.


L'animale tifoso può essere facilmente inquadrato in una categoria,che semanticamente avrà l'effetto di una gabbia,e ci permetterà di capirne la potenziale demenza.

                                         TIFOSO DELLA SQUADRA LOCALE.

 la sua squadra di solito ha nomi come "strozzacappomi f.C." o "cefalese" .
Si esalta  per l'aquisto di Scazzini un rinomato ex campione di 45 anni,con nel carnet persino una fugace comparsata in serie B,generalmente, in tribuna.

Di solito questo tifoso è amico del direttore tecnico della squadra,che è anche il suo salumiere.

                                                  IL TIFOSO  ULTRA' 

Si muove in branchi,composti principalmente di colorati rifiuti umani come lui,che spendono i pochi soldi guadagnati lavorando duramente come cavie da laboratorio spostandosi ogni fine settimana in una città diversa.

Generalmente muoiono pistolettati o sprangati.

                      no future for you!

Non ci mancheranno.



                            IL TIFOSO DELLA GRANDE SQUADRA

Se è tifoso della squadra della città generalmente è solo un tizio senza fantasia,un pò storpio,ma ancora un essere umano.

Diverso è il caso in cui, lui,di Bari ,diventi tifoso del milan.
In questo caso oltre a doversi sobbarcare le spese di affitto di un monolocale a milano e relative trasferte,il povero microcefalo si attirerà l'odio di:
1)Interisti: che si chiederanno cazzo ci fa un terrone a tifare per il Milan,giù botte.
2)Leghisti: Giù botte,senza tanti salamelecchi.
3)Baresi: Tra un impennata con il motorino ed uno scippo,tenteranno di capire come mai un terrone etc etc,giù botte.


                                 IL TIFOSO DELLA PROVINCIALE

La provinciale è di solito l'ancora di salvezza per chi non vuole tifare squadre dai nomi improbabili.
Il tifoso tipico si fa un paio di trasferte all'anno,aspettando che la sua squadra retroceda/conquisti la massima serie/ , ci vuole cuore per tifare una provinciale,ma le soddisfazioni sono tante.

Fra le tante ad esempio,picchiare i tifosi Baresi del Milan.

                 IL CREDENTE  DEL NAPOLI

Il tifoso del napoli deve essere considerato un fedele discepolo di una religione rivelata,il suo dio è ferlaino,Maradona il suo profeta,il San Paolo la sua Mecca.

I tifosi del napoli sono TUTTI ultrà,senza eccezioni.


Io invece tifo cagliari,ma questa è un altra storia,e ve la racconterò in un altro momento




Se ci sono degli ultrà offesi dalle mie parole mi dispiace-
Mi dispiace che un imbecille legga il mio blog.