lunedì 13 dicembre 2010

Io-tu-noi-voi



Io sono io, da quando sono nato, mi chiamo io.

Mi chiamo anche e sopratutto quando sono solo, quando gli unici limiti sono quelli della mia volontà, che è grande, immensa, violenta.

Tutto è mio, quello che vedo è solo mio, mio mio mio, dio mio, quanto mi piace questa parola :

                                     , MIO,

suona bene, mi fa sentire da Dio, e fa pure rima, vedrai che hanno qualcosa in comune.

(La figura si solleva ansimando, facendo forza su delle gambine monche e tremanti)

"Maledizione! perchè  è così buio qua ?  strilla la creatura, sputacchiando.

-Possibile che non si possa uscire da questo posto?


(La figura senza nome allunga un braccio, toccando la parete della sua nera prigione, la parete è nera, molliccia, organica.)

Parete: E tu chi saresti, adesso?

Figura senza nome: Tu? io vorrai dire! cosa è "tu"?

Parete: Io sono tu.

Figura senza nome: Ah! Capisco.. quindi tu sei il mio limite, tu! dovrei ammazzarti per quello che hai fatto.

Parete: Stupido ragazzino, pensa al plurale, pensa a "Noi".

Figura senza nome: Noi? Vuoi dire tu.. e IO?

Parete:  Si

FsN: No, troppo complicato, già devo pensare troppo per dividere il mondo fra io e Non-io. La soluzione ideale del dilemma è ammazzarti, rapida, efficace.

Parete: Noi include e completa, guarisce la ferita, non avere paura, ragazzino.

FsN: Non so. Cosa devo fare, per essere noi?

Parete ( passandogli un paio di bulbi oculari sanguinolenti) Ecco, guarda con i miei occhi.


Fsn: ...........

Parete: Adesso hai solo bisogno di un nome.
 Ora che siamo in due, devi avere un nome! lo scegliero io per te.
Lumiere, sarà perfetto !

Lumiere:  Lumière.. si, mi piace. Ora siamo amici, vero.. vero...ma come ti chiami tu?

Parete: Wand, mi chiamo wand.

Lumière: Ma tu non puoi muoverti, wand? devi rimanere qui, fermo, a chiudere questo porto? Ma io posso uscire?

Wand: certo che puoi. Anzi, devi, piccolo mio. Esci, e conosci il mondo di fuori. Ma non dimenticare, che sei stato uno, in principio, tenteranno di spezzarti, feririrti, umiliarti, non avere paura. Sappi solo che torneremo insieme, prima o poi.

Lumière: Allora, vado, amico mio, o amica, poco importa, vado..


VADO
                                                    NOI




                                                                           E VOI
Posta un commento