martedì 3 gennaio 2012

geni&Geni


Definizione di stupidità : Dal vocabolario Agus-Kurdt

“La stupidità è considerabile come l'incapacità di comprendere un evento o una serie di eventi che
hanno luogo nel proprio ambiente”

Premessa :

“La popolazione mondiale è incredibilmente e prevalentemente stupida”

Corollario :
“Anche gli esseri umani apparentemente non stupidi si comportano occasionalmente in maniera
stupida”

Corollario (2)
“ Gli stupidi invece sono stupidi a tutto tondo.”

Sono sicuro che nessuno di voi sarà contrario a questa affermazione, a cui potrebbero venire aggiunti corollari quasi infiniti, ad esempio, un terzo interessante corollario potrebbe essere :
“ Uno stupido considererà un genio uno stupido, arrecandogli danno. Un genio tenterà di comprendere lo stupido, arrecandosi danno.”

Mi chiedevo com'è possibile che dopo due milioni di anni di evoluzione la stupidità non sia stata ancora spazzata via dalla faccia della terra? La risposta è di fronte agli occhi di tutti, basta accendere la televisione. Stupidi di tutti i colori, di tutti i sessi vi assaliranno Platinette, Sgarbi, Berlusconi, D'alema, Il papa in carrozzella e tutti gli altri.

Oppure potete uscire di casa un attimo e iniziare a parlare con la gente, sarete sorpresi da quanti imbecilli credono alle scie chimiche e alla fine del mondo, quest anno.
Questo sembra confutare la teoria dell'evoluzione di Darwin, no? Se la stupidità fosse una dote desiderabile gli stupidi verrebbero eliminati dal pool genetico per lasciare spazio a quelli più svegli.
Invece ci piacciono le tette grosse, e non un Phd in fisica quantistica.
E a voi piacciono alti e muscolosi, basta andare a controllare la vita sessuale dei premi nobel per accertarsene.

                                                   PERCHE'?

Esistono varie spiegazioni che giustificano un'apparente predominanza del gene della stupidità nella popolazione umana.

(1)siamo una razza geneticamente giovane

Se guardiamo l'evoluzione biologica, fino all'altro ieri eravamo delle scimmie pelose che dovevano difendere la propria grotta contro branchi di belve incazzate, quindi per sopravvivere servivano gambe lunghe, muscoli grossi, buona vista, buon udito, facilità d'incazzarsi, rutto libero, tette grosse e abilità nei pompini.

Le stesse cose che servono adesso. Ad entrambi i sessi.

Ecco perchè a noi piacciono ancora le tette e a voi le scimmie muscolose.

E questa è una prima ragione. La seconda ragione è insita nella prolificità degli stupidi.

Immaginate due coppie, una la chiameremo “Coppia Bocconi” e l'altra la chiameremo “coppia Scampia”- La prima coppia è formata da due laureati in fisica, la seconda invece è formata da uno spacciatore e una casalinga che non può lavorare altrimenti il marito la pesta-

Secondo voi chi farà più figli? Bravi, vedo che avete capito. Il secondo problema è che gli stupidi
 
                  (2) FIGLIANO COME CONIGLI 

Quando voi decidete finalmente che avete una posizione economica adeguata ad allevare degnamente un bambino, loro sono già alla terza generazione, e i loro figli picchiano il vostro dicendogli che è stupido.

Possiamo dire che una persona intelligente è quella che riesce a vedere al di la del proprio naso, interessandosi anche di cose che non sono direttamente connesse con la propria sopravvivenza? Bene.
Una persona intelligente è anche curiosa e aperta alla novità, la qual cosa è una componente di rischio, il nuovo come ben sapete può anche essere pericoloso.
Lo stupido invece apprende una routine comune e la ripete in continuazione, evitando qualsiasi rischio.

Signori stiamo combattendo una guerra già persa, non abbiamo nessuna speranza ragionevole di vittoria, possiamo essere intelligenti quanto ci pare, ma il giorno che incontreremo un fesso con un coltello il nostro genio sarà servito a ben poco.

La quantità di energia che serve a creare un idiota è incredibilmente ridotta rispetto a quella che serve a creare una persona intelligente, i collegamenti neuronali costano energia e tempo, imparare qualcosa costa energia psichica e fisica, il nostro svantaggio è immane.

Aggiungo un ulteriore particolare a questa già grama tela, gli stupidi hanno scarsa capacità di vedere le evoluzioni future.
Vi spiego subito cosa intendo con questo.

Immaginate un paese abitato da stupidi e intelligenti in egual misura, il paese possiede 100 unità di risorse, che possono mantenere in vita agevolmente un totale di cento persone, inizialmente il paese è composto da 10 persone, 5 stupidi e 5 intelligenti.

I 25 stupidi figlieranno fino a quando troveranno cibo sufficiente, spingeranno quindi l'ambiente che li circonda al limite di sopportazione.

I 25 intelligenti penseranno a come trovare un equilibrio con quell'ambiente, probabilmente facendo meno figli.

Date un paio di generazioni alla fine avremo una situazione all'incirca così : 20 intelligenti e 100 stupidi, con un aumento della miseria che colpirà ANCHE gli intelligenti, per quanto essi abbiano agito per evitare questa situazione.

Questo ci porta al terzo punto.

  1. Le scelte del tuo vicino ritardato colpiscono anche te

La maggioranza assorbe i vantaggi che derivano dalle azioni positive della minoranza intelligenze, le conquiste scentifiche sono l'esempio perfetto, arrivano da una minoranza di persone sicuramente intelligenti (nerd?) e colpiscono positivamente la vita di quasi tutti.
Ma le azioni negative della maggioranza colpiscono ugualmente tutti, porca madonna.

Aggiungiamo a questo il fatto che una persona intelligente è spesso anche generosa ed ecco che abbiamo una ricetta perfetta per un disastro. Una ricetta per un disastro perfetto. Il vostro disastro.

SOLUZIONI?
Non esistono soluzioni a buon mercato in una situazione simile, quindi quelle che vi propongo NON sono soluzioni piacevoli, ma per il vostro bene fareste meglio a seguirle.

  1. Non abbiate pietà per gli stupidi, se vedete uno di loro in grossi guai, non aiutatelo, o finirà per danneggiarvi.
  2. Danneggiate gli stupidi ogni volta possibile. Ricordate, loro figlio picchierà vostro figlio.
  3. Fate palestra, pugilato, tae kwon Do, e qualsiasi arte marziale vi offra una difesa contro la stupidità. Picchiare gli stupidi è divertente
  4. Preparate delle contromisure alla stupidità altrui, ricordate, in caso di disastro sono i vostri i geni che devono sopravvivere.
  5. In caso di disastro non aiutate chi ha contribuito a crearlo.

E con questo direi che ho finito. Ah, l'ultima cosa,quasi dimenticavo i Geni, quelli con la G maiuscola.
I geni, Beethoven, Vivaldi, Chopin, Einstein, Fibonacci,Marie Curie, ECCETERA eccetera, sono così pochi, sapete perchè?


                      BOH (Boh, mica posso sapere tutto) 



                                        Kurdt

lunedì 2 gennaio 2012

Il cane rabbioso della blogosfera.

                                       L'internetto è bello perchè è avariato.

Stamane m'ha scritto un tizio facendomi notare una reazione piuttosto piccata alla mia meravigliosa recensione del masterpiece di Gamberetta.

Non so se ricordate, qualche settimana fa io e crotalo abbiamo  diretto la mastodontica potenza di fuoco dei nostri sblogz nella stessa direzione, sgretolando l'obbiettivo, che già di suo stava insieme con lo sputo.
Per chi non lo sapesse "gamberi fantasy" è il posto dove gruppi di criceti si riuniscono a sbavare saltando al ritmo indicato dalla loro padrona, che si chiama gamberetta, detta la regina dei criceti.

La regina dei criceti ha un amico, che per non essere da meno si fa chiamare Duca. Uno a cui piacciono i coniglietti. (devo dire altro?).
Insomma, mentre saltava con i suoi coniglietti Hop hop hop, in mezzo ai prati,  il Duca vede la mia recensione e inizia a sbavare copiosamente sulla tastiera, in una scena che immagino così :




Sta dicendo : "AHHHHH!! GARHAHAHUAAAHHUAUAUAUAAHAHAHAHAHA!"

Poi si è fatto una peretta di Valium per tornare umano e ha scritto questa roba. ^^
.............................................................................................................................................................
"Uriel  ha alcuni compagni di merende ( capito Uriel? domani porta la piadina che io porto il prosciutto NdKurdt) che stanno proseguendo il trolling terroristico  a base di menzogne spudorate e ignoranza criminale, come Balordaggine . La recensione tossica per definizione, il tumore all’interno del sistema narrativo (AHAHAAHAHAHAAHAHAHAHHAHAHAAH nDKURDT) allo scopo di plagiare i lettori causando così danno a sé (si dimostra di essere dei mentecatti) e agli altri (si falsifica la realtà danneggiando i lettori). In pratica la definizione che Cipolla (Cazzo, Cipolla! mica l'uomo del monte. NdKurdt) ha dato di Stupidità, il crimine alla base di tutti i problemi del mondo.(Che credibilità ha uno che si chiama cipolla?)
L’opposto degli ideali di Wayne C. Booth, Frederick Busch o Damon Knight(capito? eh? stronzo ignorante!Procol harum!zovirax!platinum collection!SàNDEBLADISANDèI! ) .Notare che il livello di ignoranza narrativa è cento per cento fanelliano (Sono fanelliano, cazzo! ma dovrò vestirmi in modo diverso?): critica come una cazzata l’affermazione di Gamberetta che “la Narrativa debba andare oltre la Realtà

”, posizione che era già stata espressa da molti autori tra cui Ford Madox Ford -uno dei più grandi letterati inglesi di sempre- e che sta alla base degli ultimi cento anni di narratologia. Senza quella posizione filosofica non ci sarebbe fantascienza -genere in cui si trastulla Fanelli, ma il suo servo idiota (Compagno di merende/ Fanelliano/ Servo idiota, lentamente mi ha declassato cazzo!  NdKurdt)forse non se ne è accorto- o verrebbe considerata in toto spazzatura. (Ancora!)

                                               La mia reazione dopo aver letto sta roba
Vi giuro che appena ho letto sta roba ieri notte sono cascato dal divano per quanto ridevo forte, erano le quattro di mattina e la mia vicina danese ha iniziato a battere con la scopa per farmi smettere, allora è scesa di sotto e ha bussato alla porta, al che ho preso la scopa e l'ho battuta io, ristabilendo la quiete-

La mia gatta è scappata terrorizzata credendo che fosse un attacco di pazzia pericoloso. 

Non rispondo agli insulti, mi hanno fatto passare una splendida mezz'ora, rispondo invece alla seconda parte della roba, quella sulla realtà.
A me disturba molto quando qualcuno tenta di mettermi in bocca cose che non ho detto, sopratutto se ho detto cose vere.

Questo è quello che mi si accusa di avere detto/fatto-

critica (Io Ndkurdt) come una cazzata l’affermazione di Gamberetta che “la Narrativa debba andare oltre la Realtà , posizione che era già stata espressa da molti autori tra cui Ford Madox Ford -uno dei più grandi letterati inglesi di sempre- e che sta alla base degli ultimi cento anni di narratologia. Senza quella posizione filosofica non ci sarebbe fantascienza -genere in cui si trastulla Fanelli, ma il suo servo idiota forse non se ne è accorto- o verrebbe considerata in toto spazzatura.




Questo è quello che ho detto :
Cit :
Peccato che non puoi descrivere un cazzo di niente senza partire da quella cosa stupida e noiosa che si chiama "realtà",.
Senza la realtà non esisterebbe nessun tipo di letteratura, perchè qualsiasi tipo di letteratura non è nient'altro che una rielaborazione della realtà, in maniera più o meno evidente.

Anche il fantasy parte da esperienze fatte nella realtà, le cose che succedono ai personaggi sono prese di peso dalla realtà ordinaria, anche se stai parlando di cazzabubboli fluorescenti, se vuoi una storia interessante devi metterci elementi
classici come i personaggi di Propp. Potete anche provare a creare un universo dove i cazzabubboli interagiscono tra di loro senza inserire nessuna emozione umana, nessuno scontro umano, niente che il lettore possa ricollegare a se stesso, vediamo che merda immonda ne può venire fuori.

Evidentemente voglio dire che CREARE qualcosa, significa mescolare degli elementi che sono già presenti in qualche modo, in contrapposizione con quello che dice la sua protetta :


La narrativa che si ferma a rielaborare la Realtà, senza andare oltre, senza aggiungere altro, è solo una perdita di tempo.



Peccato che lui sia troppo acceccato dalla bava e dal vapore sul monitor per leggere bene. 
Ribadisco il concetto, così magari se ripassa di qua lo capisce :
Rielaborare la realtà è appunto quella che fanno Fantasy e Fantascienza. Non è un caso infatti che la fantascienza sia nata proprio in un periodo, il 900 in cui la SCIENZA (quella vera), faceva passi da gigante e influenzava la vita della popolazione.
Chissà perchè la fantascienza non è nata nel 300 eh?.
Altrimenti dovremmo spiegare come mai nessuno ha parlato di navette spaziali nel 300, visto che secondo questi qua si potrebbe : "andare oltre" la realtà-
La realtà puoi al massimo rimescolarla, non certo crearne una nuova. Guardacaso infatti gli scrittori di fantascienza che hanno creato i mondi più credibili e piacevoli, erano anche scienziati.


Discorso "fantasy". La magia nel fantasy utilizza sempre energie note, elettricità, calore, energia, gravità, eccetera eccetera eccetera, e RIMESCOLA.
Guardate, non ho manco voglia di perderci tempo a spiegarlo, l'ho già fatto, sapete leggere, fatelo, altrimenti cazzi vostri.
Sto tizio praticamente se l'è presa perchè una tizia amica sua che passa troppo del suo tempo a criticare tutto e tutti, un giorno è stata presa a calci nel culo da me.
Hey tanto non te la da uguale amico.

Un ultimo appunto riguardo l'elenco di guardiaspalla ideologici che si portano sempre appresso il Duca e Gamberetta (la lista di nomi che fanno SEMPRE).
Citare in continuazione qualcun altro autorevole per difendere le idee proprie non vuol dire che VOI avete ragione, al massimo significa che hanno torto anche loro.

Kurdt   (Il Cane rabbioso della sbroccosfera)

P.s. Poi perchè non se l'è presa anche con crotalo?



venerdì 30 dicembre 2011

Comiks Sex&Rockn' Rollàh



Finalmente è giunto il momento di svelare a voi, cari i miei stalker virtuali, quello che sto progettando per l'anno nuovo.

Cari i miei debosciati e morti di sonno, ricordate l'intro di quel racconto che vi feci leggere? no? Sapevatelo! cioè, RICORDATELO.

Bene, quella era soltanto un' introduzione a qualcosa di più grande e figo, che svelerò solo quando sarà finito, per il momento però posso annunciare di collaborare con un illustratore fighissimo che si chiama Francesco Deidda, noto in italia per aver illustrato il fortunato libro sulle Winx .(Lo SO che non volevi che io lo ricordassi, ma gli errori si pagano, caro mio, e io sono sadico).




Si, le winx, quelle troiette messe su da qualche squallida compagnia di marketing per soddisfare schiere di stronzissime bambine .

Ma non temete, il lavoro che faremo assieme non ha niente a che vedere con fatine figa-di-legno e un po' stronze, ma piuttosto con morti, deprivazione sensoriale, magia negroide, lussuria, bambini decapitati, e altro ancora.

Nel frattempo vi regalo le prime quattro pagine del fumetto, che, tanto per farvelo sapere, partecipa al Komikazen di quest'anno. Ovviamente vinceremo.

Magari non quest'anno.

Ma sicuramente siamo noi i più fighi.


                                                   Se volete ingrandire, Clikkate, tonti.
"Locasciòn"
C'è anche il dramma Familiare, non ci facciamo mancare proprio niente. Noi.


Autobus, Nave, Aereo, roba che manco per arrivare in Ruanda. 
E pure il treno, yeah!. Con quella faccia il tizio non sopravviverà alla notte.


Ed eccoci qua, scommetto di avervi incuriosito con i pittogrammi eh? Ok, mandatemi soldi, molti soldi,  e vi dirò qualcosa di più, altrimenti attaccatevi allo sgnaus.

Kurdt



sabato 24 dicembre 2011

Cantico di Natale


Questi stronzi mi perseguitano, adesso anche motorizzati.



Si avvicina natale e il desiderio di chiudermi in casa si fa più forte.
Chiudermi in casa con un fucile da cecchino e molte pallottole, a guardare la gente che passa per la strada con tanti bei pacchetti colorati e sparare.
Sparare ai pacchetti e poi guardarli disperarsi per il regalo distrutto. 
Quindi sparargli in testa. In fondo sarebbe solo fargli un favore, così smettono di soffrire. 

Quest'anno vi regalo un paio di storie che rinfocoleranno il vostro spirito natalizio-
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
George Micheal cammina per strada con il suo regalo in mano : “Ciao Elthon! Ma come sei bello oggi, come fai ad avere sempre quell'aria da ragazzino di cinquant'anni?”

“Ciao George! Ma è una pistola oppure sei solo felice di vedermi?”

“E' una pistola, mi spiace Elthon, ma non dovevi consigliarmi di comprare quelle azioni della parmalat” (George estrae una pistola a forma di vibratore dalla tasca)

“Ehi Georgie, ma non potresti prima farmela provare quella pistola, voglio dire, prima di spararmi”

“Mettiti a pecora Elton”

“Ok, ma fai in fretta”

George gli infila la pistola in culo, elton sculetta un pò tutto contento, poi George spara. La pallottola attraversa l'intestino, lo stomaco, l'esofago, e si pianta nel cervello.

“Buon Anale Elton”



“Ciao hank, dammi una birra, ne ho bisogno

“Che ti succede vecchio mio?”

“Niente, è solo Natale, come sempre”

“Che merda”

“Già”

“Beviti la birra e non ci pensare, domani passa”

“Grazie Hank”

“Di niente Kurdt, salute”

“Ma tu non eri morto Hank?”

“Mi hanno dimesso oggi, dicono che s'erano sbagliati”

“Maledetti segaossa”

"Salute"





Un uomo sta seduto sull'angolo del letto, si è svegliato da poco, è grasso da far schifo, il lardo gli cola da tutte le parti, attorno alla vita una cintura di adipe da far invidia ad un lottatore di sumo, il collo sfatto, la faccia verdastra. Sul comodino una confezione extralarge di cioccolatini a forma di babbo natale, il letto è singolo, le lenzuola sono sporche di sudore e sperma.

Il grassone è seduto, il letto scricchiola, la stanza è buia.

Il cellulare trilla, l'uomo tenta di allungarsi per prenderlo, come una foca si stende sulla pancia e si avvicina al comodino, ma cade, e cadendo trascina a terra la confezione di cioccolatini che gli cadono in testa, con una pioggia di babbi natali e uova rosse e bianche brillanti.

Una balena in mutande con un cellulare in mano. E un messaggio sullo schermo.
Lo legge.

“Mi dispiace Carlo, io non ti merito, sicuramente troverai una migliore di me, io ti farei solo soffrire, scusami. Buon Natale : Elvira”

“Buon Natale un cazzo, troia”

E sul pavimento una balena piange, sdraiata su centinaia di babbi natale.



Buon Natale a tutti gli sconfitti, a tutti quelli che oggi non festeggiano un cazzo; buon natale ai disperati, ai poveri, ai barboni del cazzo, buon natale ai morti di fame e ai pazzi, buon natale a quelli che oggi piangono qualcuno, buon natale a quelli che non sanno dove andare a dormire, buon natale a quelli che sono stati lasciati ieri notte.
Buon natale a quelli che non sorridono, ai genitori divorziati e soli e agli orfani.Buon natale fratelli.

Buon Natale e vaffanculo.






Kurdt

giovedì 22 dicembre 2011

Caso&Caso Addendum

Discutendo ieri con Lamb-O (uno dei migliori signori, uno dei migliori) ho avuto modo di aggiungere un paio di tasselli al post di ieri, che effettivamente era ancora incompleto.

Se non avete letto il post di ieri, beh, SHAME ON YOU! e in ginocchio sui ceci, poi andate a leggerlo  altrimenti non capirete un cazzo.

Oddio, magari non ci capirete un cazzo lo stesso, ma tant'è.

Ieri scrivevo che in un mondo prevedibile e deterministico non ha senso parlare di, attenzione signori che questa è una parola di quelle potenti "LIBERO ARBITRIO".

La maggior parte di voi pensando al libero arbitrio si ritroverà a vagheggiare riguardo Dio e roba simile-

Dio nella sua versione migliore. Rip R.J.D.
Ma so già che voi non siete bigotti ne papalini quindi non ve la prenderete per la mia piccole boutade, tanto all'inferno c'andrò solo io, garantito. Se dio non ha senso dell'humor.
In ogni caso il punto che volevo aggiungere era che, se ci fosse il libero arbitrio, esso si troverebbe esattamente tra le nostre orecchie, in quello spazio che nella razza umana è generalmente vuoto.

Possiamo dire che, se accettiamo che il "libero arbitrio" sia qualcosa di terreno e materiale, che non ci sia stato regalato da qualche rocker deceduto, ci sono solo tre possibilità rimanenti.

1) Il mondo è assolutamente prevedibile, da A si ottiene inequivocabilmente B, sempre. In tal caso il "libero arbitrio" non può esistere per ovvi motivi.
2) Il mondo non è prevedibile,  non posso conoscere in anticipo come si comporterà un sistema complesso. Ne consegue che il libero arbitrio potrebbe avere un suo spazio, ma certamente diverso da quello tipicamente "religioso".

Intendo dire che libero arbitrio nel caso 2 potrebbe essere descritto come la maniera in cui un sistema "uomo" decida di comportarsi, il libero arbitrio sarebbe semplicemente la linea di condotta scelta, questo significa anche che la scelta è comunque un "illusione" visto che non dipende dall'ente immateriale (e inesistente) che siamo abituati a chiamare "io".

Lasciate che mi spieghi meglio,  nel mondo 2) non esiste nessun tipo di "io" esiste semplicemente il cervello che si fa delle scelte, ma non potrebbe fare altrimenti, non esiste realmente un alternativa a quello che fa, eppure il suo comportamento non è prevedibile, questo, per me, potrebbe essere indicato come "libero arbitrio" o "personalità"-

In un mondo siffatto esistono ancora le valutazioni di valore, perchè l'individualità esiste ancora.

Eppure non esiste più la possibilità di scegliere, non nel senso comune del termine, visto che qualunque cosa esiste uno stato fisico per volta, voi siete solo quello che siete, non potete essere due cose nello stesso tempo (chiaro, escludendo teorie affascinanti come quella del multiverso).
Ovvero potete scegliere QUELLO CHE SCEGLIETE.

Siete ancora un individuo, ma avete cancellato la possibilità di scelta.
Non che abbiate perso qualcosa d'importante.

                                                                           Ciao.

                                    Loro in qualsiasi universo conosciuto sono sempre splendidi.

martedì 20 dicembre 2011

Caso&Caso


Avete mai pensato a quante cose accadono per caso nella vostra vita? Voglio dire ci avete mai pensato? Avete mai pensato a quante cose succedono per caso? Quella ragazza incontrata per caso, il tizio colpito da un meteorite, il movimento della nube elettronica attorno al nucleo, la costante di espansione dell'universo. Tutte casuali. O no?

Forse sarebbero cose prevedibili se disponessimo delle informazioni di stato iniziali iniziali.
Non voglio mettermi a discutere  approfonditamente l'argomento della presenza del caso o no nell'universo, se lo conoscete, buon per voi, altrimenti andate a studiare e non rompete i coglioni.

Me ne frego se dio gioca a dadi o a tresette col morto, è molto più interessante pensare alle implicazioni morali connesse con la presenza di un destino o no.

Spesso quando si discute quanto e se il caso influenzi l'universo, si presenta qualcuno che cita il principio di indeterminazione di Heisenberg, bene, quel qualcuno può anche andare a cagare, non è che se non posso prevederne precisamente velocità e posizione di un elettrone (perchè per farlo dovrei inserire una variabile nel sistema, modificandolo) esso si muova senza seguire una logica.

Personalmente però sono ancora indeciso, trovo elementi interessanti a difesa di entrambe le tesi, da parte di quella indeterministica stanno molti fenomeni della fisica subatomica, come il decadimento radioattivo (che comunque possono venire previsti con sistemi probabilistici), mentre il mondo “macro” può essere descritto come deterministico.

Credo che l'uomo non disponga dei mezzi adatti per affrontare un problema del genere, per adesso, ma è abbastanza evidente che la realtà nella quale viviamo è abbastanza deterministica, e senza addentrarci nei meandri della fisica quantistica (Yaxara dove sei?) possiamo modellizzare abbastanza bene il mondo che ci circonda.

Quindi per il mio discorso darò per vera la tesi che “nel nostro mondo valgono le leggi di causa effetto” e credo che sia abbastanza plausibile.

Ma di cosa cazzo volevo parlare non me lo ricordo più-

Ah ok, volevo parlare delle conseguenze morali di un sistema deterministico nella vita quotidiana.
Intanto cominciamo dicendo che in un mondo simile non ha senso parlare di “bene” e “male”, perchè non esiste nessun merito nell'essere quello che si è.

L'intelligenza è una dote, come l'altezza, vi sentite orgogliosi di essere alti? Ok, allora siete semplicemente additati come stupidi.

Ma scommetto che vi sentirete orgogliosi di essere intelligenti (cosa che non siete), orgogliosi perchè pensate che in fondo sia merito vostro, della vostra volontà di ferro o qualcos'altro.

Io dico che invece non avete nessun merito in nulla, non avreste potuto fare nient'altro che quello che avete fatto*(1).
Dopotutto dove dovrebbe stare la libertà di scelta e azione? Cosa sarebbe il vostro “io” capace di astrarsi completamente dalle regole della fisica conosciute per rubare un secondo di libertà assoluta a Dio e decidere da se, senza nessuna influenza esterna?

Se ci pensate bene tutta la faccenda del libero arbitrio è una colossale stronzata fatta per poter giudicare la colpevolezza di un essere umano, per poterlo distinguere da un animale.
Quando il gatto vi caga sul cuscino, magari date un calcio nel culo al gatto, ma se siete intelligenti (non vantatevene, cazzo) non vi verrà mai in mente di farlo processare quel gatto.

Se invece venite colti dal desiderio di mangiare quella merda, beh, avete problemi più seri.

Il libero arbitrio dovrebbe essere qualcosa di completamente scollegato dal resto della realtà, una cosa magica e divina, di cui solo l'uomo sarebbe dotato.

Non vi risuona di religione monoteista una stronzata del genere? E si, abbiamo una corteccia cerebrale:

Ma la corteccia guarda un po' è pure lei soggetta alle leggi della materia ordinaria, tanto è vero che se stimolate elettricamente o meccanicamente alcune aree, otterrete delle modificazioni della personalità e del comportamento.
Ad esempio gli esperimenti di RogerSperry sulla specializzazione degli emisferi nei pazienti che avevano subito una callostomia (ovvero la rimozione della parte di cervello che collega i due emisferi, permettendo loro di comunicare) dimostrano proprio questo.
Ora visto che so che siete dei debosciati senza alcuna voglia di leggere centinaia di interessantissime pagine sull'argomento, ve lo spiego io.

Sperry faceva degli esperimenti su pazienti che avevano subito l'asportazione del corpo calloso per risolvere pesanti casi di epilessia.

Scoprì che i pazienti con gli emisferi separati erano a tutti gli effetti dotati di “due” cervelli, ogniuno collegato ad un orecchio, un occhio, una narice. Il corpo umano è più ridondante di un 747.

Scoprì anche che i due emisferi hanno obblighi e compiti diversi, quello destro ad esempio (che controlla l'occhio sinistro) è incapace di comunicazione verbale (nella maggior parte dei casi), mentre quello sinistro si, portando anche a “conflitti di attribuzione tra i vari emisferi.
Questo porta alla domanda :


Dov'è “IO” ?

Dove cazzo sono io? In mezzo ai due emisferi? Voglio dire, non so come la pensi la chiesa a riguardo, ma a me pare che il mio io sia proprio quella roba morbida piazzata in mezzo alle orecchie.
Ovviamente questa versione è molto più credibile di quella che presuppone l'esistenza di “libero arbitrio”.

- CONSEGUENZE SOCIALI DEL DETERMINISMO -

Alcuni tra voi sentiranno una forte resistenza alle mie affermazioni, principalmente perchè in un mondo senza libero arbitrio non c'è nessun modo per giudicare buono e cattivo, visto che i due pari sono.
L'assassino sarebbe allo stesso livello del santo, nessuna differenza, se non quella che accompagnarsi al santo sarebbe meno pericoloso.
L'accettazione a livello sociale del determinismo condurrebbe obbligatoriamente ad una revisione dei giudizi, l'assassino sarebbe sempre pericoloso, ma non più cattivo, si potrebbe (e dovrebbe) sbatterlo al gabbio, ma non ci sarebbe più la stigma morale.
Non cambierebbero le strategie educative che già conosciamo per modificare il comportamento, quindi la psicologia esisterebbe ancora, e le carceri continuerebbero a fare il loro lavoro, l'unica cosa che verrebbe cancellata sarebbe la morale.

Infatti il determinismo complica la vita ai buoni, niente più merito ad essere santi, niente più bontà, niente più libero arbitrio signori.

Rimarrebbero comunque le regole sociali che già conosciamo, chi tenesse comportamenti antisociali o dannosi per l'ambiente nel quale si trova verrebbe eliminato o rieducato, a seconda del grado di tolleranza dell'ambiente, ed i "buoni" verrebbero comunque preferiti ai "cattivi".

Pensate un po' quanto tempo risparmieremmo, finalmente potremmo pisciare sulle opere di bene, sputare su Madre Teresa e Giovanni Paolo secondo, irridere il buon samaritano. Dopotutto non avevano scelta, non potevano fare altro, date le condizioni iniziali dell'universo.

Certo, forse sarebbe meglio che il popolo non sapesse una cosa del genere, altrimenti la capacità di far desistere un potenziale criminale facendo leva sul senso di colpa e la vergogna svanirebbe.

Ma se il mondo è deterministico non ci si può fare un cazzo, tutte le scelte sono già state fatte tutte in un momento ben preciso, il primo.



La conclusione filosofica di un simile ragionamento è desolante, non abbiamo nessuna scelta, ma ci illudiamo di possedere un qualche grado di libertà perchè il nostro orizzonte di ragionamento e analisi è troppo limitato, la qual cosa ci porta a ripetere gli stessi errori migliaia di volte.

Siamo come pietre che rotolano da una collina, senza nessuna possibilità reale di decidere dove rotolare.

Sette miliardi di pietre che rotolano, materia convinta di avere un potere sull'energia sconfinata dello spazio tempo.

Le stelle stanno  ridendo di noi come noi ridiamo dei batteri. A modo loro.

Come possiamo essere così stupidi?



Kurdt









Bibliografia essenziale LEGGETELA NELLA PROSSIMA VITA : AA.VV., Dal necessario al possibile. Determinismo e libertà nel pensiero anglo-olandese del 17. secolo, Atti del Colloquio internazionale (Milano, 12-14 novembre 1998), a cura di L. Simonutti, Milano, F. Angeli, 2001.
  • AA.VV., Déterminisme et libre arbitre, Entretiens présidées par Ferdinand Gonseth, recueillis et rédigés par H. S. Gagnebin, Neuchatel, Editions du Griffon, 1947.
  • AA.VV., Individuality and Determinism. Chemical and Biological Bases,  «Proceedings of the Liberty Found Conference on Chemical and Biological Bases for Individuality, Held May 1-2, 1982, at Key Biscayne, Florida», Edited and Preface by Sidney W. Fox, New York-London, Plenum Press, 1984.
  • Amsterdamski S. et al., La querelle du déterminisme. Philosophie de la science d'aujourd'hui, Paris, Gallimard, 1990.
  • Arecchi F. Tito (a cura di) et al., Determinismo e complessità, Roma, Armando, 2000.
  • Ayers M. R., The refutation of determinism. An essay in philosophical logic, London, Methuen & Co., 1968.
  • Barone F., Determinismo e indeterminismo nella metodologia scientifica contemporanea, Torino, Edizioni di Filosofia, 1959.
  • Berdjaev N. A., De l' esclavage et de la liberté de l' homme, Paris, Aubier, 1946.
  • Berlin I., Due concetti di libertà, Postfazione di M. Ricciardi, trad. it. di M. Santambrogio, Milano, Feltrinelli, 2000.
  • Bernard C., Introduction à l'étude de la médecine expérimentale (1865), Chronologie et préface par F. Dagognet, Paris, Garnier-Flammarion, 1966.
  • Berofsky B., Determinism, Princeton, University Press, 1971.
  • Bobzien S., Determinism and freedom in Stoic philosophy, Oxford, Clarendon Press, 1998.
  • Bounoure L., Déterminisme et finalité, double loi de la vie, Paris, Flammarion, 1957.
  • Cahn Steven M., Fate, logic and time, New Haven-London, Yale University Press, 1967.
  • Casati G. (a cura di), Il caos. Le leggi del disordine, trad. it. di G. O. Longo, S. Panettoni, Milano, Le Scienze, 1990.
  • Cassirer E., Determinismo e indeterminismo nella fisica moderna, Presentazione di G. Preti, Firenze, La Nuova Italia, 1970.
  • Ciceronis M. Tulli, De fato. Sul destino, con testo a fronte, Milano, Mursia, 1994.
  • Cini M. (a cura di), Caso, necessità, libertà. Seminari a.a. 1997-98, Napoli, Cuen, 1998.
  • Corradi E., Determinismo, causalita e fisica quantistica, Milano, Celuc, 1972.
  • Dahan Dalmedico A.-Chabert J.-L.-Chemla K. (éds.), Chaos et déterminisme, Paris, Ed. du Seuil, 1992.
  • Daston L., Perché la teoria della probabilità aveva bisogno del determinismo, Trad. it. di M. Benzi, Bologna, Il Mulino, 1991.
  • De Caro M., Il libero arbitrio. Una introduzione, Roma-Bari, Laterza, 2004.
  • Dennett Daniel C., L'evoluzione della libertà, Milano, R. Cortina, 2004.
  • Dessì P., Le metamorfosi del determinismo, Milano, F. Angeli, 1997.
  • Diderot D., Pensieri sull’interpretazione della natura, Introduzione traduzione e note cura di P. Quintili, Roma, Armando, 1996.
  • Donini P.,  Ethos. Aristotele e il determinismo, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 1989.
  • Dorato M., Futuro aperto e libertà. Un'introduzione alla filosofia del tempo, Presentazione di R. Bodei, Roma-Bari, Laterza, 1997.
  • Dupre J., The disorder of things. Metaphysical foundations of the disunity of science, Cambridge, MA-London, Harvard University Press, 1995.
  • Earman J., A primer on determinism, Dordrecht, Reidel, 1986.
  • Enriques F., Causalità e determinismo nella filosofia e nella storia della scienza, Roma, Atlantica, 1944.
  • Genest J.-F., Prédétermination et liberté crée à Oxford au 14e siècle. Buckingham contre Bradwardine, avec le teste latin de la Determinatio de contingentia futurorum de Thomas Buckingham, Paris, Vrin, 1992.
  • Giannoli G. I., Il Caso, un tiranno. Elogio della curiosità, Milano, F. Angeli, 1986.
  • Gregorio di Nissa, Contro il fato, a cura di M. Bandini, Bologna, Edizioni Dehoniane, 2003.
  • Gurvitch G., Déterminismes sociaux et liberté humaine. Vers l'étude sociologique des cheminements de la liberté, Paris. P.U.F., 1955; trad. it. Roma, Citta Nuova, 1974.
  • Hacking I., Il caso domato, a cura di Simona Morini, Milano, Il Saggiatore, 1994.
  • Hardin R., Indeterminacy and society, Princeton, N.J., Princeton University Press, 2003.
  • Hillman J., Il codice dell’anima. Carattere, vocazione, destino, trad. it. di A. Bottini, Milano, Adelphi, 1997.
  • Honderich T., Sei davvero libero? Il problema del determinismo, trad. it di M. Martorelli, Milano, Il Saggiatore, 1996.
  • Honderich T., The consequences of determinism, vol. 2, Oxford, Clarendon press, 1990.
  • Hook S. (ed.), Determinism and freedom in the age of modern science, New York, Collier Books, 1961.
  • Israel G., Il determinismo e la teoria delle equazioni differenziali ordinarie, in  «Physis», 1991, 2, V. 28. n.s. fasc. 2 (1991), pp. 305-358.
  • Klein M., Determinism, blameworthiness and deprivation, Oxford, Clarendon Press, 1990.
  • Kojève A., L'idée du déterminisme dans la physique classique et dans la physique moderne, Présentation de D. Auffret, Paris, Le livre de poche, 1990.
  • Lalande A., Vocabulaire technique et critique de la philosophie, Texte revu par les membres et correspondantes de la Société française de Philosophie et publié avec leurs corrections et observations, Avant-propos de René Poirier, Paris, P.U.F., 2002 (19261), articoli «Détermination», «Déterminisme», pp. 220-224.
  • Livre des deux principes (Liber de duobus principiis), Introduction, texte critique, traduction, notes et index de Ch. Thouzellier, Paris, Les Éditions du Cerf, 1973.
  • Mori M., Libertà, necessità, determinismo, Bologna, Il Mulino, 2001.
  • Nelli S., Determinismo e libero arbitrio da Cartesio a Kant, Torino, Loescher, 1982.
  • O' Connor T. et al. (eds.), Agents, causes and events. Essays on indeterminism and free will, Oxford, University Press, 1995.
  • Osler M. J., Divine will and the mechanical philosophy. Gassendi and Descartes on contingency and necessity in the created world, New York, Cambridge University Press, 1994.
  • Petrone I., I limiti del determinismo scientifico, Introduzione di G. Crivella, Urbino, QuattroVenti, 2000.
  • Pomian K. (a cura di), Sul determinismo. La filosofia della scienza oggi, Milano, Il Saggiatore, 1991.
  • Pomponatius Petrus Mantuanus, Libri quinque de fato, de libero arbitrio et de praedestinatione, edidit R. Lemay, Padova, Antenore, 1957.
  • Popper Karl R., Epistemologia, razionalità e libertà, Roma, A. Armando, 1972.
  • ID., Poscritto alla logica della scoperta scientifica, 3 voll., a cura di W. W. Bartley, Milano, Il Saggiatore, 1984-1986.
  • Prigogine I.-Stengers I., La fine delle certezze. Il tempo, il caos e le leggi della natura, Torino, Bollati Boringhieri, 1997.
  • Proclo, La provvidenza e la liberta dell'uomo, a cura di L. Montoneri, Roma-Bari, Laterza, 1986.
  • Proquitte J.H., Les frontières du déterminisme humain, Paris, Dunod, 1968.
  • Rose S., Linee di vita. La biologia oltre il determinismo, Milano, Garzanti, 2001.
  • Rose S.-Lewontin R.-Kamin L., Il gene e la sua mente. Biologia, ideologia e natura umana, ed. it. a cura di G. Bignami e L. Terrenato, Milano, Edizioni scientifiche e tecniche Mondadori, 1983.
  • Sautarel J., Philosophie du déterminisme. Réflexions sociales, Paris, Stock, 1896.
  • Schuster H. G., Deterministic chaos. An introduction, 2. rev. ed., Weinheim, VCH, 1988.
  • Urbinati N., Determinismo e liberta. Aspetti della crisi del positivismo italiano negli anni di fine secolo, Firenze, Leo S. Olshki, 1987.
  • von Wright G. H., Casualità e determinismo, Saggio introduttivo di S. Besoli, trad. it. di P. Allegri, Faenza, 1981.
  • Waismann F.-Schachter J.-Schlick M., Ethics and the will. Essays, edited and with an introduction by B. McGuinness and J. Schulte, translations by H. Kaal, Dordrecht, Kluwer, 1994.
  • Watkins J.W.N., Liberta e decisione, Introduzione di M. Baldini, Roma, Armando, 1981.
  • White Michael J., Agency and integrality. Philosophical themes in the ancient discussions of determinism and responsibility, Dordrecht, Reidel, 1985.

venerdì 16 dicembre 2011

Confessioni di un assassino.




Mi chiamo Giulio, sono nato a Falconara marittima, e per mestiere ammazzo la gente.

Ma non sono un medico. Sono un assassino a contratto.

So che avreste preferito per questo ruolo qualcuno con un nome più adatto, magari Floyd, oppure Roman, e invece vi ritrovate a leggere di uno che si chiama come il vostro vicino di casa settantenne.

A essere sincero mi manca anche il “phisique du role”, peso 85 chili e sono alto un metro e settantacinque. Un grasso maiale direbbe qualcuno.

Probabilmente però quel qualcuno è morto.

E cristo, sono anche pelato, non proprio il tipo da telefilm insomma. Ma la vita non è un film.

Giusto l'altro giorno per lavoro ho dovuto sistemare quell'attore che faceva l'ispettore in televisione,
manco mi ricordo come si chiama, però l'ho fatto fuori io, il ciccione. Una vendetta divina è stata. La dimostrazione che il mondo non è dei belli ne degli intelligenti, ma di quelli che stanno dalla parte giusta.
Io sto dalla parte giusta.
Sono un artista del grilletto, lo accarezzo come fosse un clitoride prima di far esplodere un orgasmica fucilata nella testa di qualcuno.
Non sono mai piaciuto alle donne, sono grasso, pelato, probabilmente pure un po' stupido, o almeno questo dicevano a scuola gli insegnanti ai miei genitori. Stavo sempre nel banco più nascosto, mi piaceva stare da solo, invisibile. Certe cose devono essere genetiche.
Ma voi siete i buoni, quelli che aborrono la violenza, che la rifiutano. Chissà perchè vi affrettate sulle pagine di cronaca quando comprate il giornale.

Dopotutto Potete scegliere fra un emozionante lavoro otto ore al giorno a cinque euro all'ora, scopare e sposarvi, fare un sacco di bambini, invecchiare, farvi abbandonare in un ospizio e finalmente crepare.

Non mi sono mai sposato. “Ciao amore, sono a casa” “Com'è andata al lavoro tesoro?” “oh bene,
ho fatto saltare le cervella all'avvocato Smidolloni” Non funziona. E cos'avrebbe potuto raccontare alle amiche? Che sono su tutte le pagine dei giornali? Probabilmente. Ricercato.

Ma anche io mi sono innamorato, in passato. Si chiamava Laura non è durata molto, mi chiedeva sempre come mai dormissi con una pistola carica sul comodino, io glissavo, gli raccontavo di essere un agente segreto del Mossad. “Ma sei italiano Giulio, non puoi lavorare per il Mossad!”-
Era troppo sveglia, ho dovuto spararle. Non posso rischiare.

Ma non mi sento solo, ho una gatta che mi tiene compagnia, si chiama Mauser, l'ho trovata dentro un bidone della spazzatura, qualche figlio di puttana l'aveva abbandonata li.
Un gatto è meglio di un cane, odio quei distributori di pulci ambulanti, quando ne vedo qualcuno in giro devo resistere all'impulso di sparargli in quella bocca puzzolente. Odio quando si avvicinano scodinzolando e abbaiando, mi fa venire voglia di appenderli per la lingua e sparargli nel culo.

Un gatto è silenzioso, elegante, letale. Ecco perchè mi piace. E un gatto è infedele, come una donna, averne uno mi ricorda perchè non mi sono sposato.

Se volete sapere qual'è la mia morale, lasciate che vi racconti una storia.


Una volta uno dei miei contatti mi chiamò per offrirmi un lavoro, si trattava di fare secco un ragazzino di dieci anni. Venne fuori che il ragazzino pestava ogni giorno il figlio di un imprenditore romagnolo, chiedendogli soldi, minacciandolo di dargliene ancora se avesse rifiutato, i professori non facevano niente perchè era il figlio di un grosso dirigente . Cattivo bambino, cattivo bambino.

Allora il padre mi contatto attraverso uno dei miei uomini e mi chiese se potevo farlo fuori.
“Ti do diecimila se lo stendi quel piccolo bastardo” mi disse
“Ok” dissi io “ dalli direttamente al mio uomo, al resto ci penso io”
Poi individuai la scuola del piccolo bastardo e cercai una palazzina abbastanza alta e abbastanza nascosta, mi sentivo di nuovo uno studente anch'io. Trovai una terrazza perfetta allo scopo, dava sul cortile dove i bambini facevano ricreazione, l'affittai con un documento falso per un mese intero.

Poi aspettai un paio di giorni, il bambino che dovevo seccare si chiamava Mattia, usciva a fare merenda mano nella mano con un altra bambina, un grembiule blu ed uno rosa, poi si sedevano su di un basso muretto e mangiavano il panino che avevano preparato le mamme.

La sua testolina entrava perfettamente nel mirino del mio fucile, poi girava la testa, diceva qualcosa alla fidanzatina e ricominciava a mangiare il panino alla mortadella.
Sparai. Il colpo perfetto, preciso in mezzo agli occhi, il rumore di un anguria che si rompe, la bambina accanto a lui con il grembiulino rosa a macchie rosse. Il cervello del piccolo bastardo stava ancora per meta dentro la scatola cranica scoppiata, sembrava un anguria, per davvero.

Un po' di cervello era finito nel panino alla mortadella della fidanzatina, magari era buono.

Ammazzare qualcuno non è qualcosa per cui serva pensare tanto, solo voi fate tante domande, voi timbrate il cartellino, io premo il grilletto.

L'ho fatto per trent'anni.

Ho ammazzato due persone al mese per trent'anni. più di setttecento persone, un piccolo paese di provincia ho ammazzato. Una montagna di avvocati, dirigenti d'azienda, piccoli mafiosi, bambini cattivi, ragazze infedeli.  


E oggi mi ammazzo io.
Oh, non certo perchè mi sento in colpa. Ammazzerei ancora, come al solito.
Come al solito, ecco il problema.
M'annoio, ecco la verità.

Ho regalato Mauser alla vicina, le ho detto che sarei partito per uno dei miei viaggi, e di tenerla lei, è una brava donna, non la manderà per strada.

Oggi, tanto per cambiare, m'ammazzo.

Giulio.

domenica 4 dicembre 2011

Don't try



Ehi tu.

Si proprio tu. Lo so che stai leggendo, testa di cazzo.

Ti ho visto scrivere l'altro giorno, sul tuo macbook, al bar. Scommetto che ti sentivi come Hemingway alle corride, un genio all'opera. Mancava solo un cartello.
Sono bravo a leggere nel pensiero della gente, vuoi che te lo dimostri? ma non sprecare il fiato, non me ne frega un cazzo di sapere quel che credi di volere, te lo dirò lo stesso.

Ti vedo seduto con il tuo macbook al tavolo del bar, sorseggiando un tè, quando ti senti come T,s, Elliot, o una birra a casa, da solo, quando ti senti più J, Fante. A volte ti vedo sul treno, mentre torni a casa, torni al tuo paesello dove sei acclamato come un genio da mandrie di mamme impazzite affamate di letteratura e Harmony.
E ti porti dietro la tua  moleskine, che solo dio sa che differenza ci sia tra una moleskine e un block notes. Immagino la stessa che pass a tra un Mac e un portatile.
Ti vedo scrivere sul tuo block notes e leggo di sguincio, anche se tu non te ne accorgi, tutte le stronzate che scrivi.
Scrivi poesie vedo,bravo! e nelle poesie parli di treni, di treni e viaggi. Che fantasia! un genio quasi! sei un fottuto genio della letteratura!
Ti guardo in faccia mentre scrivi tutto preso dalla tua grandeur letteraria, le labbra chiuse a buco-di-culo e le sopracciglia ben curate dall'estetista,  cerchi di mettere su carta quelle quattro stronzate che sono venute fuori dalla palude maleodorante del tuo cervello.
Ti guardo come si guarda una fogna, un topo o un cadavere putrescente. Va ancora peggio quando ti accorgi che ti stanno guardando, allora permetti di scrutare nella fogna ancora più a fondo.

Quando t'accorgi che qualcuno ti guarda corrucci la fronte, giochicchi con la penna arrotolandola tra indice e pollice, guardi fuori dalla finestra, cacci un bel sospiro e scrivi un altra parola, come se in quella pausa stessi pensando alla prossima riga da scrivere.
Invece stai pensando : " Ma quanto sono figo? Il treno, la mia moleskine sulle cosce, la penna. Oh cristo, la PENNA! cazzo sono uno scrittore, pure il tizio qua davanti mi guarda. Penserà che sto scrivendo.Penserà che sono un  genio, Magari vuole parlarmi"

Preferirei bere il vomito del mio gatto piuttosto.

Ti osservo con lo stesso interesse di un naturalista che scrosta una muffa da uno scoglio.

Certo cegli con cura le parole da inserire nel tuo manoscritto, scrivi uscio invece che porta, indossi calzature  per scarpe, e i tuoi racconti iniziano con una variante di: "era una notte buia e tempestosa".

Ma non ci provare con me. Potrai convincere quelle troiette delle tue amiche sedute adoranti attorno a te nelle letture pubbliche dei tuoi aborti, mentre sperano di rifarsi una verginità artistica dopo aver passato la vita a sfogliare Cioè prima e Cosmopolitan poi.
Potrai fregare i tuoi amici, infilandogli alla chetichella un po' del tuo letame sotto la porta.
Potrai anche fregare qualche editore ritardato che si fa impressionare dalla tua bella faccetta pulita.

Ma non me. Ho letto troppa merda, riconosco il tanfo anche senza assaggiarla.

Frequenti i corsi di scrittura creativa e l'estate scorsa sei andato ad un campus meraviglioso sul lago di Garda, dove avevi uno stand tutto per te per parlare delle differenza tra scapigliatura e beat generation.


Scommetto il mio stipendio che leggi il blog di Gamberetta, e ti convinci che scrittori si diventa. povero stronzo.

Non ci provare a impressionarmi, se non vuoi che ti prenda a calci nel culo.

Scendi dal treno e ti seguo. Ti vedo aprire la porta di casa tua, toglierti le scarpe per non sporcare e  abbandonare il block notes sul comodino fianco all'appendiabiti.

Sei irrecuperabile.

Si scrive sempre in un posto comodo.  nel ventre della madre, nella cuccia o nel proprio studio; non nella tana del lupo; non in treno. Ci si raccoglie e si lascia vagare e dispiegare la mente il tanto che basta, poi con un retino a trama sottile si riacchiappano r e si colano su carta.

Tu ti siedi sul divano e accendi la televisione.

Non ci provare.

Kurdt

Dedicato a tutti gli scribacchini del cazzo.

E, certo, quasi dimenticavo, ai poeti. sopratutto ai poeti.